Verità e illusioni

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

Verità e illusioni Empty Verità e illusioni

Messaggio  antonio il Sab 10 Gen 2015 - 23:00

Le persone non vogliono ascoltare la verità perché non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte.

Friedrich Nietzsche


« Aforisma: una verità detta in poche parole - epperò detta in modo da stupire più di una menzogna. »
(Giovanni Papini, Dizionario dell'Omo Selvatico)


« L'aforisma cancrizzabile è una malattia della tendenza al wit, in altre parole una massima che, pur di apparire spiritosa, non si preoccupa del fatto che il suo opposto sia egualmente vero. »
(Umberto Eco)


Non esistono fenomeni morali, ma soltanto una interpretazione morale dei fenomeni (Friedrich Nietzsche, La Gaia Scienza).

- La morte è un fenomeno terribile per i vivi (Marco Chierici - Acuità - Ed. Donati)
- Una domanda non è mai indiscreta, una risposta può esserlo (Oscar Wilde, Il ventaglio di Lady Windermere).
- La riconoscenza è il sentimento della vigilia (Enrico De Nicola, Discorsi tramandati).
- Il ballo è una manifestazione verticale di un desiderio orizzontale.(Woody Allen).
- Solo i poveri riescono ad afferrare il senso della vita, i ricchi possono solo tirare a indovinare.(Charles Bukowski).
- La famiglia si può immaginare come una ragnatela, un fiore, una tomba, una prigione, un castello. (Ronald Laing).

- La passione è la saggezza del corpo; la saggezza è la passione dell’anima. (Wojciech Wiercioch).
- Chi ha una memoria eccelsa rischia, in termini qualitativi, di non avere una buona cultura. (Walter Amirante)
- Peggio per la diva quando attorno non c'è anima viva. (Volodymyr Knyr)
antonio
antonio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 20307
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  savita il Lun 12 Gen 2015 - 11:07

antonio ha scritto:Le persone non vogliono ascoltare la verità perché non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte.

Friedrich Nietzsche
« Aforisma: una verità detta in poche parole - epperò detta in modo da stupire più di una menzogna. »
(Giovanni Papini, Dizionario dell'Omo Selvatico)
« L'aforisma cancrizzabile è una malattia della tendenza al wit, in altre parole una massima che, pur di apparire spiritosa, non si preoccupa del fatto che il suo opposto sia egualmente vero. »
(Umberto Eco)
Non esistono fenomeni morali, ma soltanto una interpretazione morale dei fenomeni (Friedrich Nietzsche, La Gaia Scienza).
- La morte è un fenomeno terribile per i vivi (Marco Chierici - Acuità - Ed. Donati)
- Una domanda non è mai indiscreta, una risposta può esserlo (Oscar Wilde, Il ventaglio di Lady Windermere).
- La riconoscenza è il sentimento della vigilia (Enrico De Nicola, Discorsi tramandati).
- Il ballo è una manifestazione verticale di un desiderio orizzontale.(Woody Allen).
- Solo i poveri riescono ad afferrare il senso della vita, i ricchi possono solo tirare a indovinare.(Charles Bukowski).
- La famiglia si può immaginare come una ragnatela, un fiore, una tomba, una prigione, un castello. (Ronald Laing).
- La passione è la saggezza del corpo; la saggezza è la passione dell’anima. (Wojciech Wiercioch).
- Chi ha una memoria eccelsa rischia, in termini qualitativi, di non avere una buona cultura. (Walter Amirante)
- Peggio per la diva quando attorno non c'è anima viva. (Volodymyr Knyr)
Bah , non mi piacciono gli aforismi per la loro perentorietà che non ammette discussioni  ... si propongono come verità indiscutibili ....questi poi sono un'accozzaglia  ..... alcuni li condivido, altri no.

Cominciamo dal primo : "gli uomini non vogliono ascoltare la verità perchè non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte  "
Quale verità ? Esiste forse una verità  assoluta ?
savita
savita
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15516
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  antonio il Lun 12 Gen 2015 - 14:39

savita ha scritto:

antonio ha scritto:Le persone non vogliono ascoltare la verità perché non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte.

Friedrich Nietzsche
« Aforisma: una verità detta in poche parole - epperò detta in modo da stupire più di una menzogna. »
(Giovanni Papini, Dizionario dell'Omo Selvatico)
« L'aforisma cancrizzabile è una malattia della tendenza al wit, in altre parole una massima che, pur di apparire spiritosa, non si preoccupa del fatto che il suo opposto sia egualmente vero. »
(Umberto Eco)
Non esistono fenomeni morali, ma soltanto una interpretazione morale dei fenomeni (Friedrich Nietzsche, La Gaia Scienza).
- La morte è un fenomeno terribile per i vivi (Marco Chierici - Acuità - Ed. Donati)
- Una domanda non è mai indiscreta, una risposta può esserlo (Oscar Wilde, Il ventaglio di Lady Windermere).
- La riconoscenza è il sentimento della vigilia (Enrico De Nicola, Discorsi tramandati).
- Il ballo è una manifestazione verticale di un desiderio orizzontale.(Woody Allen).
- Solo i poveri riescono ad afferrare il senso della vita, i ricchi possono solo tirare a indovinare.(Charles Bukowski).
- La famiglia si può immaginare come una ragnatela, un fiore, una tomba, una prigione, un castello. (Ronald Laing).
- La passione è la saggezza del corpo; la saggezza è la passione dell’anima. (Wojciech Wiercioch).
- Chi ha una memoria eccelsa rischia, in termini qualitativi, di non avere una buona cultura. (Walter Amirante)
- Peggio per la diva quando attorno non c'è anima viva. (Volodymyr Knyr)


Bah , non mi piacciono gli aforismi per la loro perentorietà che non ammette discussioni  ... si propongono come verità indiscutibili ....questi poi sono un'accozzaglia  ..... alcuni li condivido, altri no.

Cominciamo dal primo : "gli uomini non vogliono ascoltare la verità perchè non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte  "
Quale verità ? Esiste forse una verità  assoluta ?


A me, invece, piace la sintesi e la chiarezza... la capacità di esprimere concetti anche complessi usando formulazioni sintetiche e semplificative.
L'essenziale, da cui (poi) può nascere l'approfondimento e la discussione... .
Non sempre, ovviamente. Smile


Certamente la sintesi, implica dei rischi... Rischi di equivoci e generalizzazioni eccessive.
Nel caso da te segnalato (su cui concordo) mi pare sottinteso che non sia possibile la generalizzazione, ma che ci sia una "allusione" solo ad "alcune "verità"...
Smile

Ricordo che in psicologia ci avvertono che adottiamo l'autoinganno" e che ciò non è inteso come comportamento patologico.
Anche il "principio" da me enunciato altrove con molta ironia ((NON è vero ciò che è vero, è vero ciò che piace) è molto adottato, sia con che senza consapevolezza... Very Happy
antonio
antonio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 20307
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  savita il Lun 12 Gen 2015 - 15:10

antonio ha scritto:
A me, invece, ( degli aforismi ) piace la sintesi e la chiarezza... la capacità di esprimere concetti anche complessi usando formulazioni sintetiche e semplificative.
L'essenziale, da cui (poi) può nascere l'approfondimento e la discussione... .
Non sempre, ovviamente. Smile
Certamente la sintesi, implica dei rischi... Rischi di equivoci e generalizzazioni eccessive.
Nel caso da te segnalato (su cui concordo) mi pare sottinteso che non sia possibile la generalizzazione, ma che ci sia una "allusione" solo ad "alcune "verità"...
Smile
Ricordo che in psicologia ci avvertono che adottiamo l'autoinganno" e che ciò non è inteso come comportamento patologico.
Anche il "principio" da me enunciato altrove con molta ironia ((NON è vero ciò che è vero, è vero ciò che piace) è molto adottato, sia con che senza consapevolezza... Very Happy
Continuo....
Circa l'aforisma, nel tuo elenco di aforismi ce n 'è uno che esemplifica la mia perplessità e su cui sono d'accordo

« L'aforisma cancrizzabile è una malattia della tendenza al wit, in altre parole una massima che, pur di apparire spiritosa, non si preoccupa del fatto che il suo opposto sia egualmente vero. »
(Umberto Eco)

A parte l'uso fastidioso di termini ricercati o di nuovo conio, come "wit " e "cancrizzabile ", tutti o quasi gli aforismi appartengono a questo tipo di affermazioni, quasi sempre rovesciabili.

savita
savita
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15516
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  illivan il Lun 12 Gen 2015 - 16:15

Gli aforismi sono fatti per colpire.Sono un po' come le fotografie ben fatte dei paesaggi.
Se vedo una bellissima foto di un tramonto sul mare penso: "che posto bellissimo". In realtà a me il mare non piace molto e 100 metri a destra del luogo dello scatto, magari, c'è una discarica a cielo aperto.
Una immagine di alba in montagna, io ne ho postate alcune che considero molto belle, può far pensare la stessa cosa ad una persona che in montagna non ci andrebbe neppure pagato. E, Magari, poco distante ci sono baite orrende e piloni di funivia che deturpano il paesaggio.
L'aforisma è bello, sempre vero, o almeno appare tale. Condivisibile o deprecabile ma a tempo.
Mi piacciono gli aforismi. Come mi piacciono le fotografie. Rappresentano un pezzo di realtà, proprio per questo parziale e soggettivo.
illivan
illivan
intrepido
intrepido

Messaggi : 1853
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  mirf il Lun 12 Gen 2015 - 16:36

illivan ha scritto:Gli aforismi sono fatti per colpire.Sono un po' come le fotografie ben fatte dei paesaggi.
Se vedo una bellissima foto di un tramonto sul mare penso: "che posto bellissimo". In realtà a me il mare non piace molto e 100 metri a destra del luogo dello scatto, magari, c'è una discarica a cielo aperto.
Una immagine di alba in montagna, io ne ho postate alcune che considero molto belle, può far pensare la stessa cosa ad una persona che in montagna non ci andrebbe neppure pagato. E, Magari, poco distante ci sono baite orrende e piloni di funivia che deturpano il paesaggio.
L'aforisma è bello, sempre vero, o almeno appare tale. Condivisibile o deprecabile ma a tempo.
Mi piacciono gli aforismi. Come mi piacciono le fotografie. Rappresentano un pezzo di realtà, proprio per questo parziale e soggettivo.





Piacciono anche a me, quando sono ben fatti .
Oltre alla bellezza letteraria (scelta delle parole, icasticità, gusto del paradosso) per il loro eventuale significato, che fotografando con maestria ed in un modo non banale un pezzetto di realtà, stimola all'approfondimento, a guardare intorno. E questo è sempre positivo.
mirf
mirf
valoroso
valoroso

Messaggi : 9555
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  antonio il Lun 12 Gen 2015 - 17:18

savita ha scritto:
antonio ha scritto:
  A me, invece, ( degli aforismi  ) piace la sintesi e la chiarezza... la capacità di esprimere concetti anche complessi usando formulazioni sintetiche e semplificative.
L'essenziale, da cui (poi) può nascere l'approfondimento e la discussione... .
Non sempre, ovviamente. Smile
Certamente la sintesi, implica dei rischi... Rischi di equivoci e generalizzazioni eccessive.
Nel caso da te segnalato (su cui concordo) mi pare sottinteso che non sia possibile la generalizzazione, ma che ci sia una "allusione" solo ad "alcune "verità"...
Smile
Ricordo che in psicologia ci avvertono che adottiamo l'autoinganno" e che ciò non è inteso come comportamento patologico.
Anche il "principio" da me enunciato altrove con molta ironia ((NON è vero ciò che è vero, è vero ciò che piace) è molto adottato, sia con che senza consapevolezza... Very Happy

Continuo....
Circa l'aforisma, nel tuo elenco di aforismi ce n 'è uno  che esemplifica la mia perplessità e su cui sono d'accordo

« L'aforisma cancrizzabile è una malattia della tendenza al wit, in altre parole una massima che, pur di apparire spiritosa, non si preoccupa del fatto che il suo opposto sia egualmente vero. »
(Umberto Eco)

A parte l'uso fastidioso di termini ricercati o di nuovo conio, come "wit " e "cancrizzabile ",  tutti o quasi gli aforismi appartengono a questo tipo di affermazioni, quasi sempre rovesciabili.


Siamo d'accordo.
Ma non tutti gli aforismi sono " belli " e condivisibili, tantomeno sono TUTTI stupidi e contraddittori ...
Ce ne sono alcuni che (a me) ... fanno "salire in alto nel cielo"... Smile
Gli altri, non me li ricordo nemmeno...

... "cancrizzabile e wit" ? Sì, se li poteva risparmiare...
"non mi piacciono"! Very Happy Wink
antonio
antonio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 20307
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  savita il Lun 12 Gen 2015 - 19:22


illivan ha scritto:Gli aforismi sono fatti per colpire.Sono un po' come le fotografie ben fatte dei paesaggi.
Se vedo una bellissima foto di un tramonto sul mare penso: "che posto bellissimo". In realtà a me il mare non piace molto e 100 metri a destra del luogo dello scatto, magari, c'è una discarica a cielo aperto.
Una immagine di alba in montagna, io ne ho postate alcune che considero molto belle, può far pensare la stessa cosa ad una persona che in montagna non ci andrebbe neppure pagato. E, Magari, poco distante ci sono baite orrende e piloni di funivia che deturpano il paesaggio.
L'aforisma è bello, sempre vero, o almeno appare tale. Condivisibile o deprecabile ma a tempo.
Mi piacciono gli aforismi. Come mi piacciono le fotografie. Rappresentano un pezzo di realtà, proprio per questo parziale e soggettivo.
mirf ha scritto:Piacciono anche a me, quando sono ben fatti .
Oltre alla bellezza letteraria (scelta delle parole, icasticità, gusto del paradosso) per il loro eventuale significato, che fotografando con maestria ed in un modo non banale un pezzetto di realtà, stimola all'approfondimento, a guardare intorno.  E questo è sempre positivo.
Il vostro è' un punto di vista comprensibile : però allora perchè le belle foto me le ricordo bene , mentre degli aforismi , di queste illuminazioni flash su un pezzo di realtà, non ne ho mai ricordato poi nemmeno uno ?
Come fossero barzellette e niente più....

La foto, per quanto sia un dettaglio di realtà, se non è truccata e falsa , rappresenta con sicurezza almeno "quel " dettaglio in tutta la sua realtà , l'aforisma invece non dà nessuna garanzia , per me spesso è solo un divertissement ....
savita
savita
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15516
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  antonio il Lun 12 Gen 2015 - 21:49

savita ha scritto:


illivan ha scritto:Gli aforismi sono fatti per colpire.Sono un po' come le fotografie ben fatte dei paesaggi.
Se vedo una bellissima foto di un tramonto sul mare penso: "che posto bellissimo". In realtà a me il mare non piace molto e 100 metri a destra del luogo dello scatto, magari, c'è una discarica a cielo aperto.
Una immagine di alba in montagna, io ne ho postate alcune che considero molto belle, può far pensare la stessa cosa ad una persona che in montagna non ci andrebbe neppure pagato. E, Magari, poco distante ci sono baite orrende e piloni di funivia che deturpano il paesaggio.
L'aforisma è bello, sempre vero, o almeno appare tale. Condivisibile o deprecabile ma a tempo.
Mi piacciono gli aforismi. Come mi piacciono le fotografie. Rappresentano un pezzo di realtà, proprio per questo parziale e soggettivo.




mirf ha scritto:Piacciono anche a me, quando sono ben fatti .
Oltre alla bellezza letteraria (scelta delle parole, icasticità, gusto del paradosso) per il loro eventuale significato, che fotografando con maestria ed in un modo non banale un pezzetto di realtà, stimola all'approfondimento, a guardare intorno.  E questo è sempre positivo.


Il vostro è' un punto di vista   comprensibile   :  però allora perchè  le belle foto me le ricordo bene , mentre degli aforismi , di queste illuminazioni flash su un pezzo di realtà, non ne  ho mai ricordato poi nemmeno uno ?
Come fossero  barzellette e niente più....

La foto, per quanto sia un dettaglio di realtà, se non è truccata e falsa  , rappresenta con sicurezza almeno "quel " dettaglio in tutta la sua realtà , l'aforisma invece  non dà nessuna garanzia , per me spesso è solo un divertissement  ....


Credo che la foto, coinvolgendo la percezione visiva, sia molto più efficace per ragioni strettamente legate alla nostra fisiologia e psicologia... Attraverso la vista, la visione, si produce una più efficace sollecitazione emotiva e si toccano più direttamente i "centri della suggestione mentale".
Fisiologia e psicologia spiegano molto meglio di me che esiste una sperimentabile maggior efficacia e immediatezza nella percezione e comunicazione visiva, rispetto a quella scritta ... E mi pare anche banale ed elementare la spiegazione.

Ci sono suggestioni che (forse) la scrittura non potrà mai dare, così come (credo) ci siano spiegazioni che (forse) le immagini non potranno mai fornire. Smile
E poi bisogna sempre distinguere l'aspetto suggestivo da quello razionale e logico.
antonio
antonio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 20307
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  zelig il Ven 16 Gen 2015 - 19:34

savita ha scritto:
antonio ha scritto:Le persone non vogliono ascoltare la verità perché non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte.

Friedrich Nietzsche
« Aforisma: una verità detta in poche parole - epperò detta in modo da stupire più di una menzogna. »
(Giovanni Papini, Dizionario dell'Omo Selvatico)
« L'aforisma cancrizzabile è una malattia della tendenza al wit, in altre parole una massima che, pur di apparire spiritosa, non si preoccupa del fatto che il suo opposto sia egualmente vero. »
(Umberto Eco)
Non esistono fenomeni morali, ma soltanto una interpretazione morale dei fenomeni (Friedrich Nietzsche, La Gaia Scienza).
- La morte è un fenomeno terribile per i vivi (Marco Chierici - Acuità - Ed. Donati)
- Una domanda non è mai indiscreta, una risposta può esserlo (Oscar Wilde, Il ventaglio di Lady Windermere).
- La riconoscenza è il sentimento della vigilia (Enrico De Nicola, Discorsi tramandati).
- Il ballo è una manifestazione verticale di un desiderio orizzontale.(Woody Allen).
- Solo i poveri riescono ad afferrare il senso della vita, i ricchi possono solo tirare a indovinare.(Charles Bukowski).
- La famiglia si può immaginare come una ragnatela, un fiore, una tomba, una prigione, un castello. (Ronald Laing).
- La passione è la saggezza del corpo; la saggezza è la passione dell’anima. (Wojciech Wiercioch).
- Chi ha una memoria eccelsa rischia, in termini qualitativi, di non avere una buona cultura. (Walter Amirante)
- Peggio per la diva quando attorno non c'è anima viva. (Volodymyr Knyr)

Bah , non mi piacciono gli aforismi per la loro perentorietà che non ammette discussioni  ... si propongono come verità indiscutibili ....questi poi sono un'accozzaglia  ..... alcuni li condivido, altri no.

Cominciamo dal primo : "gli uomini non vogliono ascoltare la verità perchè non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte  "
Quale verità ? Esiste forse una verità  assoluta ?

Gli aforismi spesso sono frasi estratte da un testo, quando non sono inventate di sana pianta, quindi potrebbe facilmente accadere che si tragga da un testo una frase che all'autore serviva per essere messa in discussione
giusto per fare un esempio...
e che Nietzsche parlasse di verità così genericamente parrebbe strano assai
a meno che non si tratti del discorso alla montagna in Così parlò Zarathustra ma lì il linguaggio biblico è voluto
insomma dalle frasette fuori contesto è meglio sospettare sempre.
zelig
zelig
valoroso
valoroso

Messaggi : 9563
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  sandrocchio il Ven 16 Gen 2015 - 20:35

L'aforisma è un handicap, nel senso che non vive dii vita propria, anche quando è incisivo. Vive se ha al fianco il nome di un autore credibile, meglio ancora se illustre. E' per questo che spesso si mettono in bocca a filosofi, letterati, sapienti in genere parole che non hanno mai detto. Internet ne è piena, a cominciare da quella caterva di notizie e citazioni inventate che è Fastweb, vero e proprio manipolatore di consensi. Per questo verifico sempre.
sandrocchio
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15147
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  asvero.panciatici il Ven 16 Gen 2015 - 20:38

savita ha scritto:
antonio ha scritto:Le persone non vogliono ascoltare la verità perché non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte.

Friedrich Nietzsche
« Aforisma: una verità detta in poche parole - epperò detta in modo da stupire più di una menzogna. »
(Giovanni Papini, Dizionario dell'Omo Selvatico)
« L'aforisma cancrizzabile è una malattia della tendenza al wit, in altre parole una massima che, pur di apparire spiritosa, non si preoccupa del fatto che il suo opposto sia egualmente vero. »
(Umberto Eco)
Non esistono fenomeni morali, ma soltanto una interpretazione morale dei fenomeni (Friedrich Nietzsche, La Gaia Scienza).
- La morte è un fenomeno terribile per i vivi (Marco Chierici - Acuità - Ed. Donati)
- Una domanda non è mai indiscreta, una risposta può esserlo (Oscar Wilde, Il ventaglio di Lady Windermere).
- La riconoscenza è il sentimento della vigilia (Enrico De Nicola, Discorsi tramandati).
- Il ballo è una manifestazione verticale di un desiderio orizzontale.(Woody Allen).
- Solo i poveri riescono ad afferrare il senso della vita, i ricchi possono solo tirare a indovinare.(Charles Bukowski).
- La famiglia si può immaginare come una ragnatela, un fiore, una tomba, una prigione, un castello. (Ronald Laing).
- La passione è la saggezza del corpo; la saggezza è la passione dell’anima. (Wojciech Wiercioch).
- Chi ha una memoria eccelsa rischia, in termini qualitativi, di non avere una buona cultura. (Walter Amirante)
- Peggio per la diva quando attorno non c'è anima viva. (Volodymyr Knyr)

Bah , non mi piacciono gli aforismi per la loro perentorietà che non ammette discussioni  ... si propongono come verità indiscutibili ....questi poi sono un'accozzaglia  ..... alcuni li condivido, altri no.

Cominciamo dal primo : "gli uomini non vogliono ascoltare la verità perchè non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte  "
Quale verità ? Esiste forse una verità  assoluta ?

E' la forma stessa dell'aforisma che lo esige categorico. Non c'è posto per l'obiettività in una frase lapidaria. Lapidario, del resto, è proprio qualcosa che rifiuta sfumature discussioni.

Però magari al di là della forma lapidaria c'è un concetto condivisibile.
Senza ricorrere all'aforisma si potrebbe dire che le persone rifiutano di accettare fatti concreti e opinioni ragionevoli che possano mettere in crisi le loro illusioni.
Diciamo che se la forma è quella dell'aforisma bissogna fare la tara della lapidarietà e prendere il concetto sottostante.
asvero.panciatici
asvero.panciatici
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 12994
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : The land of grey and pink

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  antonio il Ven 16 Gen 2015 - 20:42

zelig ha scritto:

savita ha scritto:


antonio ha scritto:Le persone non vogliono ascoltare la verità perché non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte.

Friedrich Nietzsche
« Aforisma: una verità detta in poche parole - epperò detta in modo da stupire più di una menzogna. »
(Giovanni Papini, Dizionario dell'Omo Selvatico)
« L'aforisma cancrizzabile è una malattia della tendenza al wit, in altre parole una massima che, pur di apparire spiritosa, non si preoccupa del fatto che il suo opposto sia egualmente vero. »
(Umberto Eco)
Non esistono fenomeni morali, ma soltanto una interpretazione morale dei fenomeni (Friedrich Nietzsche, La Gaia Scienza).
- La morte è un fenomeno terribile per i vivi (Marco Chierici - Acuità - Ed. Donati)
- Una domanda non è mai indiscreta, una risposta può esserlo (Oscar Wilde, Il ventaglio di Lady Windermere).
- La riconoscenza è il sentimento della vigilia (Enrico De Nicola, Discorsi tramandati).
- Il ballo è una manifestazione verticale di un desiderio orizzontale.(Woody Allen).
- Solo i poveri riescono ad afferrare il senso della vita, i ricchi possono solo tirare a indovinare.(Charles Bukowski).
- La famiglia si può immaginare come una ragnatela, un fiore, una tomba, una prigione, un castello. (Ronald Laing).
- La passione è la saggezza del corpo; la saggezza è la passione dell’anima. (Wojciech Wiercioch).
- Chi ha una memoria eccelsa rischia, in termini qualitativi, di non avere una buona cultura. (Walter Amirante)
- Peggio per la diva quando attorno non c'è anima viva. (Volodymyr Knyr)



Bah , non mi piacciono gli aforismi per la loro perentorietà che non ammette discussioni  ... si propongono come verità indiscutibili ....questi poi sono un'accozzaglia  ..... alcuni li condivido, altri no.

Cominciamo dal primo : "gli uomini non vogliono ascoltare la verità perchè non vogliono vedere le proprie illusioni distrutte  "
Quale verità ? Esiste forse una verità  assoluta ?



Gli aforismi spesso sono frasi estratte da un testo, quando non sono inventate di sana pianta, quindi potrebbe facilmente accadere che si tragga da un testo una frase che all'autore serviva per essere messa in discussione
giusto per fare un esempio...
e che Nietzsche parlasse di verità così genericamente parrebbe strano assai
a meno che non si tratti del discorso alla montagna in Così parlò Zarathustra ma lì il linguaggio biblico è voluto
insomma dalle frasette fuori contesto è meglio sospettare sempre.


Verissimo, in generale...
Ma non riconoscere la verità e la banalità di un'affermazione come quella di Nice, tratta sicuramente da una sua opera, significa non aver vissuto, oppure aver vissuto "distrattamente"... Laughing
Forse ognuno di noi difende qualche sua illusione, negando anche l'evidenza... Laughing
antonio
antonio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 20307
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  sandrocchio il Ven 16 Gen 2015 - 23:32

"Le persone non vogliono ascoltare la verità ecc. ecc.". Togliete il nome di Nietzsche dall'aforisma ed è facile accorgersi dell'ovvietà, della banalità, della scontatezza di questa frase. Metteteci il nome del filosofo vicino e vi sembra la scoperta di un genio. In realtà se nessuno cita l'opera da cui è tratta una frase, l'aforisma è un'invenzione di sana pianta. In questo caso secondo me l'ha ideata una mente bislacca e dozzinale che crede di essere geniale. Secondo me la frase è troppo ovvia per essere stata scritta da Nietzsche. Ma se qualcuno di voi conosce l'opera da cui è tratta, sono pronto a coprirmi il capo di cenere.
sandrocchio
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15147
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  savita il Sab 17 Gen 2015 - 9:46

zelig ha scritto:

Gli aforismi spesso sono frasi estratte da un testo, quando non sono inventate di sana pianta, quindi potrebbe facilmente accadere che si tragga da un testo una frase che all'autore serviva per essere messa in discussione
giusto per fare un esempio...
e che Nietzsche parlasse di verità così genericamente parrebbe strano assai
a meno che non si tratti del discorso alla montagna in Così parlò Zarathustra ma lì il linguaggio biblico è voluto
insomma dalle frasette fuori contesto è meglio sospettare sempre.

sandrocchio ha scritto:L'aforisma è un handicap, nel senso che non vive dii vita propria, anche quando è incisivo. Vive se ha al fianco il nome di un autore credibile, meglio ancora se illustre.Togliete il nome di Nietzsche dall'aforisma ed è facile accorgersi dell'ovvietà, della banalità, della scontatezza di questa frase.

asvero_panciatici ha scritto:E' la forma stessa dell'aforisma che lo esige categorico. Non c'è posto per l'obiettività in una frase lapidaria. Lapidario, del resto, è proprio qualcosa che rifiuta sfumature discussioni.
Però magari al di là della forma lapidaria c'è un concetto condivisibile.

Senza ricorrere all'aforisma si potrebbe dire che le persone rifiutano di accettare fatti concreti e opinioni ragionevoli che possano mettere in crisi le loro illusioni.

Ecco, appunto .

Se poi gli aforismi vengono proposti in batteria, come qui, tra banalità , scontatezza e categoricità, questo è il metodo migliore per non farne apprezzare né ricordare nessuno. Very Happy
savita
savita
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15516
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  wolftheoriginal il Sab 17 Gen 2015 - 10:14

...a questo punto vale la pena di citare anche questo:

“La nostra società è dominata da gente folle che persegue scopi malati. Penso che veniamo gestiti da fanatici con obbiettivi fanatici, ed è probabile che sarò io ad essere considerato pazzo per quello che sto dicendo. È questa la cosa folle.”
John Lennon
wolftheoriginal
wolftheoriginal
ardimentoso
ardimentoso

Messaggi : 5577
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Colchester

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  antonio il Sab 17 Gen 2015 - 10:56

savita ha scritto:

zelig ha scritto:

Gli aforismi spesso sono frasi estratte da un testo, quando non sono inventate di sana pianta, quindi potrebbe facilmente accadere che si tragga da un testo una frase che all'autore serviva per essere messa in discussione
giusto per fare un esempio...
e che Nietzsche parlasse di verità così genericamente parrebbe strano assai
a meno che non si tratti del discorso alla montagna in Così parlò Zarathustra ma lì il linguaggio biblico è voluto
insomma dalle frasette fuori contesto è meglio sospettare sempre.





sandrocchio ha scritto:L'aforisma è un handicap, nel senso che non vive dii vita propria, anche quando è incisivo. Vive se ha al fianco il nome di un autore credibile, meglio ancora se illustre.Togliete il nome di Nietzsche dall'aforisma ed è facile accorgersi dell'ovvietà, della banalità, della scontatezza di questa frase.





asvero_panciatici ha scritto:E' la forma stessa dell'aforisma che lo esige categorico. Non c'è posto per l'obiettività in una frase lapidaria. Lapidario, del resto, è proprio qualcosa che rifiuta sfumature discussioni.
Però magari al di là della forma lapidaria c'è un concetto condivisibile.

Senza ricorrere all'aforisma si potrebbe dire che le persone rifiutano di accettare fatti concreti e opinioni ragionevoli che possano mettere in crisi le loro illusioni.



Ecco, appunto .

Se  poi gli aforismi vengono proposti in batteria, come qui, tra banalità , scontatezza e categoricità, questo è il metodo migliore per non farne apprezzare né  ricordare nessuno. Very Happy


No, sono aforismi che hanno un "legame", una "coerenza" e un "fine"... E' una sorta di discorso fatto con gli aforismi...  Razz   Laughing
Se non lo si coglie, si conferma che si è un po' distratti, oppure irritati...  Laughing

La sintesi è la forma più efficace di esprimere un pensiero che si vuole affermare e, o discutere.
La sintesi ha ovviamente i limiti della brevità... Ma l'efficacia di "colpire" anche "il passante"... Laughing

Diciamo che è anche un modo per contrastare certi linguaggi "ostensori" Laughing (ostentativi) Wink

C'è spesso sotteso "spirito umoristico" di vario tipo...
antonio
antonio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 20307
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  savita il Sab 17 Gen 2015 - 14:26

antonio ha scritto:

No, sono aforismi che hanno un "legame", una "coerenza" e un "fine"... E' una sorta di discorso fatto con gli aforismi...  Razz   Laughing
Se non lo si coglie, si conferma che si è un po' distratti, oppure irritati...  Laughing

La sintesi è la forma più efficace di esprimere un pensiero che si vuole affermare e, o discutere.
La sintesi ha ovviamente i limiti della brevità... Ma l'efficacia di "colpire" anche "il passante"... Laughing

Diciamo che è anche un modo per contrastare certi linguaggi "ostensori" Laughing  (ostentativi)  Wink

C'è spesso sotteso "spirito umoristico" di vario tipo...
Quale sarebbe il legame , il filo conduttore , che non avrei colto ?
Per esempio tra il primo e l'ultimo, giusto per citarne due ?
savita
savita
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15516
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  antonio il Sab 17 Gen 2015 - 14:31

savita ha scritto:
antonio ha scritto:
 
No, sono aforismi che hanno un "legame", una "coerenza" e un "fine"... E' una sorta di discorso fatto con gli aforismi...  Razz   Laughing
Se non lo si coglie, si conferma che si è un po' distratti, oppure irritati...  Laughing

La sintesi è la forma più efficace di esprimere un pensiero che si vuole affermare e, o discutere.
La sintesi ha ovviamente i limiti della brevità... Ma l'efficacia di "colpire" anche "il passante"... Laughing

Diciamo che è anche un modo per contrastare certi linguaggi "ostensori" Laughing  (ostentativi)  Wink

C'è spesso sotteso "spirito umoristico" di vario tipo...

Quale sarebbe  il legame , il filo conduttore , che non avrei colto ?
Per esempio tra il primo e l'ultimo, giusto per citarne due ?

Perdonami, non mi riferivo allo specifico elenco di cui sopra.
Mi riferivo a tutti quelli che spesso richiamo, qui in filosofia e in politica.
antonio
antonio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 20307
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  savita il Sab 17 Gen 2015 - 14:58

wolftheoriginal ha scritto:...a questo punto vale la pena di citare anche questo:

“La nostra società è dominata da gente folle che persegue scopi malati. Penso che veniamo gestiti da fanatici con obbiettivi fanatici, ed è probabile che sarò io ad essere considerato pazzo per quello che sto dicendo. È questa la cosa folle.”
John Lennon
Mi sembra che a volte tu ed altri mettiate l'accento in modo eccessivo sul fatto che saremmo "gestiti", "guidati ", non si sa bene da che o da che cosa, in genere inconsapevolmente, come burattini....

Se così fosse totalmente , non potremmo mai accorgercene, quindi questa affermazione per sua natura non sarebbe mai verificabile nè falsificabile....

Io penso che in parte - o parte di noi - abbiamo anche consapevolezza e libero arbitrio.

savita
savita
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15516
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  wolftheoriginal il Sab 17 Gen 2015 - 18:35

savita ha scritto:
wolftheoriginal ha scritto:...a questo punto vale la pena di citare anche questo:

“La nostra società è dominata da gente folle che persegue scopi malati. Penso che veniamo gestiti da fanatici con obbiettivi fanatici, ed è probabile che sarò io ad essere considerato pazzo per quello che sto dicendo. È questa la cosa folle.”
John Lennon

Mi sembra che a volte  tu ed altri mettiate l'accento in modo eccessivo sul fatto che saremmo "gestiti", "guidati ", non si sa bene da che o da che cosa,  in genere inconsapevolmente, come burattini....

Se così fosse totalmente , non potremmo mai accorgercene, quindi  questa affermazione per sua  natura non sarebbe  mai verificabile nè falsificabile....

Io penso che in parte - o parte di noi - abbiamo anche  consapevolezza e libero arbitrio.

...magari fossimo inconsapevoli...il vero dramma sta nel fatto che ce ne accorgiamo(non ci vuole poi tanto, basta unire i puntini) e nonostante tutto ci sta bene così...basta che continuano a rifornirci delle nostre "droghe" quotidiane...con il nostro libero arbitrio gli abbiamo dato il controllo...forse la maggior parte non sa come funzionano le tecniche di controllo, e forse non gliene frega niente...in fondo ignorance is bliss...
wolftheoriginal
wolftheoriginal
ardimentoso
ardimentoso

Messaggi : 5577
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Colchester

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  sandrocchio il Sab 17 Gen 2015 - 19:31

Proposta: se non viene citata l'opera da cui è tratta una frase, eviterei di affiancare all'aforisma il nome di colui che l'avrebbe scritto. In questo modo se ne può valutare meglio l'essenza e la profondità. Io capisco che gli atei non credono in Dio, ma non si può sostituire Dio con Internet o con Fastweb. Mi spiego. Se io credo che una frase l'abba scritta ... che so ... Nietzsche ... perchè l'ho letto su Internet, ma non verifico dove l'abbia scritta, il mio è un atto di fede. A questo punto meglio credere in Cristo.
sandrocchio
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15147
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  sandrocchio il Sab 17 Gen 2015 - 19:36

wolftheoriginal ha scritto:
savita ha scritto:

wolftheoriginal ha scritto:...a questo punto vale la pena di citare anche questo:

“La nostra società è dominata da gente folle che persegue scopi malati. Penso che veniamo gestiti da fanatici con obbiettivi fanatici, ed è probabile che sarò io ad essere considerato pazzo per quello che sto dicendo. È questa la cosa folle.”
John Lennon


Mi sembra che a volte  tu ed altri mettiate l'accento in modo eccessivo sul fatto che saremmo "gestiti", "guidati ", non si sa bene da che o da che cosa,  in genere inconsapevolmente, come burattini....

Se così fosse totalmente , non potremmo mai accorgercene, quindi  questa affermazione per sua  natura non sarebbe  mai verificabile nè falsificabile....

Io penso che in parte - o parte di noi - abbiamo anche  consapevolezza e libero arbitrio.


...magari fossimo inconsapevoli...il vero dramma sta nel fatto che ce ne accorgiamo(non ci vuole poi tanto, basta unire i puntini) e nonostante tutto ci sta bene così...basta che continuano a rifornirci delle nostre "droghe" quotidiane...con il nostro libero arbitrio gli abbiamo dato il controllo...forse la maggior parte non sa come funzionano le tecniche di controllo, e forse non gliene frega niente...in fondo ignorance is bliss...
Non esiste società in cui il consenso non venga manipolato. Esistono però società che ti danno gli strumenti per evitare di farti manipolare. E non sono le società collettiviste.
sandrocchio
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15147
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  wolftheoriginal il Sab 17 Gen 2015 - 21:51

sandrocchio ha scritto:
wolftheoriginal ha scritto:

savita ha scritto:


wolftheoriginal ha scritto:...a questo punto vale la pena di citare anche questo:

“La nostra società è dominata da gente folle che persegue scopi malati. Penso che veniamo gestiti da fanatici con obbiettivi fanatici, ed è probabile che sarò io ad essere considerato pazzo per quello che sto dicendo. È questa la cosa folle.”
John Lennon



Mi sembra che a volte  tu ed altri mettiate l'accento in modo eccessivo sul fatto che saremmo "gestiti", "guidati ", non si sa bene da che o da che cosa,  in genere inconsapevolmente, come burattini....

Se così fosse totalmente , non potremmo mai accorgercene, quindi  questa affermazione per sua  natura non sarebbe  mai verificabile nè falsificabile....

Io penso che in parte - o parte di noi - abbiamo anche  consapevolezza e libero arbitrio.



...magari fossimo inconsapevoli...il vero dramma sta nel fatto che ce ne accorgiamo(non ci vuole poi tanto, basta unire i puntini) e nonostante tutto ci sta bene così...basta che continuano a rifornirci delle nostre "droghe" quotidiane...con il nostro libero arbitrio gli abbiamo dato il controllo...forse la maggior parte non sa come funzionano le tecniche di controllo, e forse non gliene frega niente...in fondo ignorance is bliss...

Non esiste società in cui il consenso non venga manipolato. Esistono però società che ti danno gli strumenti per evitare di farti manipolare. E non sono le società collettiviste.
...fammi degli esempi...
wolftheoriginal
wolftheoriginal
ardimentoso
ardimentoso

Messaggi : 5577
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Colchester

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  antonio il Sab 17 Gen 2015 - 22:04

sandrocchio ha scritto:Proposta: se non viene citata l'opera da cui è tratta una frase, eviterei di affiancare all'aforisma il nome di colui che l'avrebbe scritto. In questo modo se ne può valutare meglio l'essenza e la profondità. Io capisco che gli atei non credono in Dio, ma non si può sostituire Dio con Internet o con Fastweb. Mi spiego. Se io credo che una frase l'abba scritta ... che so ... Nietzsche ... perchè l'ho letto su Internet, ma non verifico dove l'abbia scritta, il mio è un atto di fede. A questo punto meglio credere in Cristo.


Quindi, se tu leggi da qualche parte una citazione col riferimento all'autore (senza l'indicazione dell'opera da cui è tratta) non la riporti, anche se ti piace moltissimo, perché rispecchia il tuo pensiero ... (?)

Ci sono delle bellissime foto di panorami su internet, che faccio? Non le pubblico perché non è indicata la località? ... Very Happy Wink
Certo, se la citazione di un pensiero interessante riporta anche i riferimenti utili e attendibili a indicarne l'autore e l'opera è assolutamente da prediligere.


antonio
antonio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 20307
Data d'iscrizione : 13.07.11

Torna in alto Andare in basso

Verità e illusioni Empty Re: Verità e illusioni

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum