L'aggressione al giornalista Rai

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: L'aggressione al giornalista Rai

Messaggio  flea il Dom 12 Nov 2017 - 13:04

maserati ha scritto:
flea ha scritto:

maserati ha scritto:



renzone ha scritto:




maserati ha scritto:













ti chiederei un piccolo sforzo in più per renderlo ovvio.






no, non vorrei sforzarmi troppo perchè i giornalisti rai sono insopportabili ed esageratamente schierati, per cui la rai quel trattamento se lo va a cercare.....anzi è da tempo che mi chiedo quando si sarebbe arrivati alle mani.
Il che non significa di certo che parteggi i signori Spada o per i mafiosi, significa solo che sono nauseato dal comportamento dei giornalisti rai.
Se tu invece sei entusiasta del servizio pubblico che producono fai un piccolo sforzo di andare a quel paese





veramente io la rai non la guardo proprio, e quindi faccio fatica ad entusiasmarmi.
Certo che se c'è un paese (o meglio paesone, trattandosi di Ostia e il suoi 200mila e passa abitanti) dominato da mafiosi e fascistazzi che vogliono menare chi non è d'accordo e tu invece te la prendi coi menati, beh vacci tu in quel paese ché mi pare a tua immagine e somiglianza.





Il punto - lo scandalo - secondo me, è questo.
C'è il decimo municipio, sul litotale romano, dove - anche quando Casapound non era nemmeno un fantasma di 0.0005% - c'è un clan - un clan rom, per la precisione, imparentato coi famigerati Casamonica - che la fa da padrone. Con estorsioni, gente estromessa dagli alloggi, controllo delle attività commerciali,pestaggi, stupefacenti ecc. ecc.
Da quanti anni? Non certo un anno o due. Nemmeno 5 o 6.
Il Municipio è stato sciolto e commissariato per due anni, parecchi finiti in carcere, tra cui il presidente, Andrea Tassone, DEL PD, nel 2014, che è stato condannato a 5 anni, e via discorrendo.
Quale è stata la risposta, non di Casa Pound, ma delle istituzioni e degli stessi giornalisti, come la Gruber, che intitolano i loro servizi non "Vent'anni di spadroneggiamento della Mafia", ma "Il pericolo neofascista"?
E solo adesso, solo dopo l'orribile gesto, compiuto con l'impulsività di chi, mai, ha dovuto rendere conto a nessuno, di chi agisce con l'assoluta sicurezza, solo a ridosso delle elezioni, scoppia lo scandalo.
I fascisti, i fascisti, già. Come se l'impero di questo clan, le infiltrazioni mafiose, l'assoluto ed inconstrastato impero del crimine e del malaffare, fossero opera di Casapound, l'inerzia, o peggio, molto peggio, delle istituzioni, dei partiti "non fascisti", fossero ispirati al "fascismo".
Adesso tutti a scandalizzarsi ed accorgersi della giornalista minacciata, della vita quotidiana dominata dai "padroni" criminali, adesso che ci sono i "neofascisti".
Prima, evidentemente, era una delle tante cose con cui si doveva convivere.
Non so e non posso dire la consistenza dell'appoggio e del portare voti a Casapound, è vero che i clan mafiosi portano i loro voti a destra e sinistra secondo la convenzienza del momento, di conseguenza, in passato, se tanto mi dà tanto, li avranno girati al PD.
E, se è per questo, lo stesso Spada avrebbe espresso simpatie di voto per i 5stelle, dunque...
Sono felice che l'abbiano arrestato, meno male che ha fatto questo gesto impulsivo, verrebbe da dire, ma sarei più felice se in Italia, fascisti o non fascisti, si prendesse una sospirata svolta per la "legge e l'ordine".


Lo scandalo è che esistano sacche sociali come quella del litorale romano dove delinquenza e fascismo sono figlie della stessa matrice antropologica della jungla trucida. E che quelle sacche siano tante ed estese in tutto il paese.

Che è un pò quello che ho scritto io. Tranne che ho i miei dubbi su questa analisi "antropologica" del fascismo come "degenerazione". O con assegnare la patente di "fascismo" con la sveltezza con cui si fa oggi, a qualunque movimento diciamo di destra/populista. Dopo tutto diverse pratiche di Casapound, mi pare, sono analoghe a quelle dei centri sociali di sinistra, per i quali questi appellativi non sono usati: occupazione abusiva di immobili, pratiche di distribuzione/redistribuzione, resistenza a pubblici ufficiali, violenze/picchiatori, manifestazioni "energiche", presenzialismo.
Inoltre sottolineerei che la delinquenza - o i populismi - prosperano quando lo Stato - come Stato di legalità; come Stato sociale - è per i fatti suoi, assente. E che la delinquenza, specie organizzata, vuole e preferisce che lo Stato sia assente, tanto che per esempio, in Sicilia, ha appoggiato movimenti indipendendisti/separatisti.
Il fascismo, o la destra, non mi pare invochino uno Stato debole. Quello semmai è il progetto, in parte realizzato, di altre entità socioeconomiche, molto più influenti, oggi. Al di sopra dei partiti.
Mi pare che chiedano - con quanta sincerità non saprei- allo Stato di occuparsi di cose di cui non si occupa, o di occuparsene in maniera diversa. O di occuparsi di bisogni emergenti.
Se un movimento di destra acquista consenso distribuendo pacchi alimentari, come fa Alba Dorata in Grecia, vuol dire che la giungla c'è già, che c'è già una situazione, e che non l'hanno certo creata questi movimenti.
Se la delinquenza - o l'imprenditoria corrotta e mafioseggiante - acquista consenso creando occasioni di lavoro, possiamo dire che prospera in una situazione, non che la crea.
E in ogni caso, l'assenza dello Stato è molto più tragica di quello che potrebbe apparire.
Con quale coraggio si può chiedere ai cittadini di mostrare coraggio, di fronte all'apatia, alla mancanza cinquantennale di reazioni forti da parte di chi è preposto per reagire; quando si distribuiscono domiciliari a delinquenti provati, senza nemmeno tanti controlli, con l'uso disinvolto delle prescrizioni, o quando si conoscono i nomi, cognomi, relazioni, azioni, mercati di ogni singola famiglia mafiosa, e tuttavia continuano indisturbati a fare quello che sanno fare. Quando ci sono piazze - esperienza personale - dove si spaccia in pieno giorno, si può venire circondati da giovani spacciatori che ti intimano di mostrare i documenti per dimostrare che non sei un "sbirro", venuto a disturbare l'attività, e i carabinieri, a due passi, fanno spallucce? (e Repubblica non pubblica la lettera inviata per riferire di questo fatto, forse perché ritenuto non importante?).

flea
Abituale
Abituale

Messaggi : 1794
Data d'iscrizione : 28.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'aggressione al giornalista Rai

Messaggio  renzone il Dom 12 Nov 2017 - 22:22

maserati ha scritto:
flea ha scritto:

maserati ha scritto:



renzone ha scritto:




maserati ha scritto:













ti chiederei un piccolo sforzo in più per renderlo ovvio.






no, non vorrei sforzarmi troppo perchè i giornalisti rai sono insopportabili ed esageratamente schierati, per cui la rai quel trattamento se lo va a cercare.....anzi è da tempo che mi chiedo quando si sarebbe arrivati alle mani.
Il che non significa di certo che parteggi i signori Spada o per i mafiosi, significa solo che sono nauseato dal comportamento dei giornalisti rai.
Se tu invece sei entusiasta del servizio pubblico che producono fai un piccolo sforzo di andare a quel paese





veramente io la rai non la guardo proprio, e quindi faccio fatica ad entusiasmarmi.
Certo che se c'è un paese (o meglio paesone, trattandosi di Ostia e il suoi 200mila e passa abitanti) dominato da mafiosi e fascistazzi che vogliono menare chi non è d'accordo e tu invece te la prendi coi menati, beh vacci tu in quel paese ché mi pare a tua immagine e somiglianza.





Il punto - lo scandalo - secondo me, è questo.
C'è il decimo municipio, sul litotale romano, dove - anche quando Casapound non era nemmeno un fantasma di 0.0005% - c'è un clan - un clan rom, per la precisione, imparentato coi famigerati Casamonica - che la fa da padrone. Con estorsioni, gente estromessa dagli alloggi, controllo delle attività commerciali,pestaggi, stupefacenti ecc. ecc.
Da quanti anni? Non certo un anno o due. Nemmeno 5 o 6.
Il Municipio è stato sciolto e commissariato per due anni, parecchi finiti in carcere, tra cui il presidente, Andrea Tassone, DEL PD, nel 2014, che è stato condannato a 5 anni, e via discorrendo.
Quale è stata la risposta, non di Casa Pound, ma delle istituzioni e degli stessi giornalisti, come la Gruber, che intitolano i loro servizi non "Vent'anni di spadroneggiamento della Mafia", ma "Il pericolo neofascista"?
E solo adesso, solo dopo l'orribile gesto, compiuto con l'impulsività di chi, mai, ha dovuto rendere conto a nessuno, di chi agisce con l'assoluta sicurezza, solo a ridosso delle elezioni, scoppia lo scandalo.
I fascisti, i fascisti, già. Come se l'impero di questo clan, le infiltrazioni mafiose, l'assoluto ed inconstrastato impero del crimine e del malaffare, fossero opera di Casapound, l'inerzia, o peggio, molto peggio, delle istituzioni, dei partiti "non fascisti", fossero ispirati al "fascismo".
Adesso tutti a scandalizzarsi ed accorgersi della giornalista minacciata, della vita quotidiana dominata dai "padroni" criminali, adesso che ci sono i "neofascisti".
Prima, evidentemente, era una delle tante cose con cui si doveva convivere.
Non so e non posso dire la consistenza dell'appoggio e del portare voti a Casapound, è vero che i clan mafiosi portano i loro voti a destra e sinistra secondo la convenzienza del momento, di conseguenza, in passato, se tanto mi dà tanto, li avranno girati al PD.
E, se è per questo, lo stesso Spada avrebbe espresso simpatie di voto per i 5stelle, dunque...
Sono felice che l'abbiano arrestato, meno male che ha fatto questo gesto impulsivo, verrebbe da dire, ma sarei più felice se in Italia, fascisti o non fascisti, si prendesse una sospirata svolta per la "legge e l'ordine".


Lo scandalo è che esistano sacche sociali come quella del litorale romano dove delinquenza e fascismo sono figlie della stessa matrice antropologica della jungla trucida. E che quelle sacche siano tante ed estese in tutto il paese.

guarda che ilmuicipio di Ostia sciolto per mafia era amministrato dal PD....PICCOLO PARTICOLARE
avatar
renzone
Instancabile
Instancabile

Messaggi : 9769
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : treviso

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum