Confessione notturna

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  flea il Ven 1 Dic 2017 - 15:23

savita ha scritto:
flea ha scritto:
...io distinguo tra l'essere innamorati e l'Amore.
So perfettamente che l'innamoramento o la passione erotica - cosa che per me l'innamoramento principalmente è - non equivalgono necessariamente all'Amore, anzi non ne sono spesso nemmeno l'anticamera(c'è una mole di letteratura e cinema e vita vissuta di grandi passioni finite nella meschinità e nell'odio)
Ma quello che mi sembrava strano è appunto non aver provato mai passione erotica, nella propria ricerca del sesso.
E devo ammettere che provo invidia, perché naturalmente è una cosa che sconvolge la vita e può essere devastante


 Non capisco  l'invidia per chi non ha mai provato, o pensa  di non avere mai provato,  nessun tipo di Amore . Se ciò  fosse perchè  chi non ama  evita  le sofferenze che può provocare  la perdita  - per un motivo o per l 'altro - della persona amata  , tanto varrrebbe neppure vivere.

Ma a questo punto mi si è allargato il campo della curiosità.  Sandrocchio, tu non solo non ti sei mai innamorato, ma non hai provato proprio nessun tipo di Amore intenso anche senza connotazioni erotiche ? Per esempio, verso  amici carissimi,un genitore , un parente , ( non oso nepure chiedere un animale? )  Perchè , anche senza  Eros, ogni amore intenso può generare precoccipazioni, sofferenze, sindromi di accertamento , gelosia , paura di privazione. Ti saresti privato in anticipo di tutto ?

No, non nessun tipo di amore, ma l'amore erotico.
Essendo, quando si è in giovane età, un mix micidiale di impulsi biologici, bisogno di amicizia profonda, bisogni fusionali, ed altro, se ci si mettono anche le carenze affettive (che tutti hanno, ma alcuni di più e più profonde), può essere abbastanza devastante, con o senza perdita.
Quindi ricordo che provavo invidia per le persone che invece vivevano in altro modo. Perché possedendo loro stesse, possedevano la propria vita.
Io almeno l'ho vissuto così, e a guardarmi indietro mi sembra incredibile.

flea
Abituale
Abituale

Messaggi : 1794
Data d'iscrizione : 28.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Ven 1 Dic 2017 - 18:43

flea ha scritto:
sandrocchio ha scritto:

flea ha scritto:In realtà l'avevo letto (mi sembra di essere stata rimbeccata..?), ma poteva anche riferirsi ad una situazione giovanile...confessione per confessione..tanti vale...
Mi sembra una situazione curiosa, non riesco ad immaginare  una persona che non si è mai innamorata, praticamente incredibile


Se è per questo, ci sono tante persone in giro che credono di essere innamorate ma non lo sono, almeno secondo me. Poi, per carità, dipende da ciò che uno intende per Amore, e fino a che punto sia disposto a sacrificarsi per la persona amata o a complicarsi la vita per lei. E poi, scusa, quante persone tu pensi di conoscere davvero a fondo per poter distinguere chi ha amato davvero, chi non ha mai amato, e chi pensa di amare ma in realtà non ama?


Oh, grazie per la risposta sincera.
Però guarda io distinguo tra l'essere innamorati e l'Amore.
So perfettamente che l'innamoramento o la passione erotica - cosa che per me l'innamoramento principalmente è - non equivalgono necessariamente all'Amore, anzi non ne sono spesso nemmeno l'anticamera(c'è una mole di letteratura e cinema e vita vissuta di grandi passioni finite nella meschinità e nell'odio)
Ma quello che mi sembrava strano è appunto non aver provato mai passione erotica, nella propria ricerca del sesso.
E devo ammettere che provo invidia, perché naturalmente è una cosa che sconvolge la vita e può essere devastante
Io invece distinguo fra amore e attrazione. Amore no, da parte mia, attrazione spessissimo. Se una donna per me è bella, la desidero. Ma ho imparato che una cosa è desiderare,un'altra è avere. E poichè non sono un seduttore, le mie poche conquiste (rispetto ai numerosi rifiuti) mi sono costate tempo e fatica. Forse decisi di non corteggiare più le donne anche per questo. Ho scoperto che ci sono parecche escort attraenti ... eh eh eh ... e se c'è una strada spalancata, non vedo perchè debba prendere quella più tortuosa. Certo, una "conquista" -chiamiamola così anche se il termine non mi piace e lo trovo anacronistico - dà molta più soddisfazione, tuttavia ho deciso di accontentarmi e di non perdere tempo.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Ven 1 Dic 2017 - 18:46

flea ha scritto:E  immagino che ci siano state  donne  incaponite nella conquista del tuo lato inaccessibile;  quante magari hanno pensato: "IO CI RIUSCIRO' ", si sa, le donne amano, in genere le imprese impossibili.
Sì, ma erano tutte racchie, e non se n'è mai fatto nulla. Ero io, in verità, a corteggiare le donne inaccessibili (almeno per me). Da qui le numerose tranvate che ho preso Very Happy Very Happy Very Happy
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Ven 1 Dic 2017 - 18:52

savita ha scritto:
flea ha scritto:
...io distinguo tra l'essere innamorati e l'Amore.
So perfettamente che l'innamoramento o la passione erotica - cosa che per me l'innamoramento principalmente è - non equivalgono necessariamente all'Amore, anzi non ne sono spesso nemmeno l'anticamera(c'è una mole di letteratura e cinema e vita vissuta di grandi passioni finite nella meschinità e nell'odio)
Ma quello che mi sembrava strano è appunto non aver provato mai passione erotica, nella propria ricerca del sesso.
E devo ammettere che provo invidia, perché naturalmente è una cosa che sconvolge la vita e può essere devastante


 Non capisco  l'invidia per chi non ha mai provato, o pensa  di non avere mai provato,  nessun tipo di Amore . Se ciò  fosse perchè  chi non ama  evita  le sofferenze che può provocare  la perdita  - per un motivo o per l 'altro - della persona amata  , tanto varrrebbe neppure vivere.

Ma a questo punto mi si è allargato il campo della curiosità.  Sandrocchio, tu non solo non ti sei mai innamorato, ma non hai provato proprio nessun tipo di Amore intenso anche senza connotazioni erotiche ? Per esempio, verso  amici carissimi,un genitore , un parente , ( non oso nepure chiedere un animale? )  Perchè , anche senza  Eros, ogni amore intenso può generare precoccipazioni, sofferenze, sindromi di accertamento , gelosia , paura di privazione. Ti saresti privato in anticipo di tutto ?
Come quasi sempre, Savita, tu confondi la tua opinione con la realtà, parti per la tangente e prosegui nell'errore. Non è la paura della perdita che non mi fa amare (allora non avrei dovuto comprare la BMW per timoree che me la rubassero, lo vedi che è una cazzata?),ma due altre ragioni:
- l'amore e il conseguente rapporto di coppia richiedono un grande senso di responsabilità e la consapevolezza di complicarsi la vita;
- ho sempre considerato le donne per il loro aspetto esteriore, nel senso che la loro anima mi è indifferente.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Ven 1 Dic 2017 - 18:57

oedipus ha scritto:
sandrocchio ha scritto:

oedipus ha scritto:


sandrocchio ha scritto:Aggiornati. Se Dio è misericordioso, la sua misericordia non te la devi conquistare. Questo è il punto focale. La decisione di perdonare parte da lui, indipendentemente da ciò che tu fai. Questa è una svolta del Cattolicesimo. Strano che non te ne sia accorto.




What a Face  Vuoi dire che papa Francesco è luterano?

comunque sull'argomento ti consiglio Wikipedia, forse per te non è una fonte sufficientemente titolata, però credimi, è migliore di te.


Non stento a crederlo. Ci sono in giro tanti imbecilli che pensano di essere degli scrittori e c'è gente ancora più imbecille che pensa di essere un'enciclopedia. Grazie a Dio -è il caso di dirlo - non appartengo a nessuna delle due categorie. Sostengo tuttavia che il Dio misericordioso di Papa Francesco è una soluzione più politica che religiosa per una Chiesa in cerca di consenso mentre il Dio che concede la Grazia indipendentemente dalle opere dei fedeli è un Dio che esige un comportamento rigoroso, dettato dalla speranza di ottenere la sua benevolenza. Non mi permetterei mai di prenderti in giro perchè consulti Wikipedia. Se ciò che leggi ti soddisfa, buon per te.


Comunque devo riconoscere che hai ragione come sempre. Invece di consultare Wikipedia dovrei consultare te, che NON sei quel tipo di imbecille che pensa che la sua opinione, senza una qualsiasi conoscenza, vale di più di quella di tutti gli altri.
Giusto. Se pensassi che la mia opinione vale più di quella degli altri,mi farei pagare per scrivere. Sono d'accordo con te. E' assolutamente un coglione colui che scrive gratis su un forum pensando che la sua opinione abbia più valore di quella degli altri forumisti. Non ho nessun pregiudizio nei tuoi confronti. Se scrivi qualcosa che per me è corretta, la sottoscrivo.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Sandrocchio leggi Alberoni

Messaggio  gus il Ven 1 Dic 2017 - 19:13

EROTISMO di Alberoni

Il libro, di circa 200 pagine, espone due tipi molto diversi di sensibilità erotica che, in ampia misura, corrispondono anche al genere maschie e femminile. Mentre l'erotismo maschile è fondamentalmente visivo, genitale, promiscuo, quello femminile è diffuso, coinvolge tutti gli aspetti sensoriali e si rivolge a qualcuno che ha valore, che emerge. L'erotismo maschile è eccitato dalle forme fisiche, dalla visione del rapporto sessuale. Quello femminile invece é più influenzato dai sentimenti, dalla passione, dal valore. Il maschio spesso desidera un rapporto sessuale con una donna anche quando non prova per lei alcun interesse sentimentale, o addirittura nessun desiderio di dialogare (pensiamo alla prostituta). La donna invece cerca sempre nell'uomo un rapporto psicologico o perlomeno qualche qualità morale o sociale. Così può essere molto attratta da un uomo importante, un campione sportivo, un divo e desiderare di fare all'amore con lui, ma solo perché ha un valore. Può anche desiderare molto un uomo bello, ma perché vive la bellezza come un segno di eccellenza.

Di conseguenza la pornografia, fatta dal puro succedersi di atti sessuali fra uomini e donne diversi, è perciò un genere fondamentalmente maschile. Il suo corrispondente femminile è la soap opera, il romanzo rosa dove, invece, contano moltissimo i caratteri dei personaggi e la storia, le difficoltà da superare. Anche la memoria erotica dei due sessi segue le stesse regole. Quella maschile ricorda con esattezza la situazione di piacere sessuale, mentre quella femminile, di solito, ricorda il rapporto erotico nel suo complesso.

Queste diversità appaiono precocemente. Le bambine analizzano e discutono molto più dei maschi le situazioni amorose. Nei maschi la sessualità spesso arriva come qualcosa di estraneo. Il ragazzo può essere innamorato di una ragazzina ed eccitarsi sessualmente di fronte ad un giornaletto pornografico. Nelle ragazze, invece, col risveglio della pubertà, l'erotismo si innesta su sentimento e sogni. I ragazzi sono attratti sessualmente da tutte le femmine con certe caratteristiche fisiche, mentre le loro coetanee invece esigono qualche forma di eccellenza, magari anche solo una capacità sportiva o una motocicletta rombante. I ragazzi ammirano le dive perché sono belle e, se non lo sono, non esitano a preferire loro delle bellezze anonime. Le ragazzine, invece, tendono ad innamorarsi dei divi dello spettacolo più noti e celebrati. Anche in seguito le donne conservano questa particolare propensione per chi emerge, per chi ha successo e, in generale, sono " più esigenti" dei maschi. Maschi e femmine sono ugualmente infedeli, ma mentre i maschi sono pronti a tradire con qualsiasi tipi di donna, le donne tradiscono solo con qualcuno per cui ne vale la pena. Nel rapporto di corteggiamento la donna mette sempre alla prova l'uomo. Per esempio si aspetta che sappia decifrare se il suo rifiuto è veramente un no o un invito a continuare il corteggiamento.

Queste differenze scompaiono solo nel caso dell'innamoramento. Lo stato nascente amoroso è identico nei due sessi. Entrambi trasfigurano il loro amato. Mentre però l'innamoramento arriva agli uomini come qualcosa di improvviso e sconcertante, le donne sanno analizzare e conoscere meglio i propri sentimenti e accettano meglio il propri amore. Per questo una donna innamorata fiorisce mentre un uomo spesso appare sconvolto e imbarazzato.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
gus
Abituale
Abituale

Messaggi : 4037
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Italia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  oedipus il Ven 1 Dic 2017 - 22:03

gus ha scritto:EROTISMO di Alberoni

Il libro, di circa 200 pagine, espone due tipi molto diversi di sensibilità erotica che, in ampia misura, corrispondono anche al genere maschie e femminile. Mentre l'erotismo maschile è fondamentalmente visivo, genitale, promiscuo, quello femminile è diffuso, coinvolge tutti gli aspetti sensoriali e si rivolge a qualcuno che ha valore, che emerge. L'erotismo maschile è eccitato dalle forme fisiche, dalla visione del rapporto sessuale. Quello femminile invece é più influenzato dai sentimenti, dalla passione, dal valore. Il maschio spesso desidera un rapporto sessuale con una donna anche quando non prova per lei alcun interesse sentimentale, o addirittura nessun desiderio di dialogare (pensiamo alla prostituta). La donna invece cerca sempre nell'uomo un rapporto psicologico o perlomeno qualche qualità morale o sociale. Così può essere molto attratta da un uomo importante, un campione sportivo, un divo e desiderare di fare all'amore con lui, ma solo perché ha un valore. Può anche desiderare molto un uomo bello, ma perché vive la bellezza come un segno di eccellenza.

Di conseguenza la pornografia, fatta dal puro succedersi di atti sessuali fra uomini e donne diversi, è perciò un genere fondamentalmente maschile. Il suo corrispondente femminile è la soap opera, il romanzo rosa dove, invece, contano moltissimo i caratteri dei personaggi e la storia, le difficoltà da superare. Anche la memoria erotica dei due sessi segue le stesse regole. Quella maschile ricorda con esattezza la situazione di piacere sessuale, mentre quella femminile, di solito, ricorda il rapporto erotico nel suo complesso.

Queste diversità appaiono precocemente. Le bambine analizzano e discutono molto più dei maschi le situazioni amorose. Nei maschi la sessualità spesso arriva come qualcosa di estraneo. Il ragazzo può essere innamorato di una ragazzina ed eccitarsi sessualmente di fronte ad un giornaletto pornografico. Nelle ragazze, invece, col risveglio della pubertà, l'erotismo si innesta su sentimento e sogni. I ragazzi sono attratti sessualmente da tutte le femmine con certe caratteristiche fisiche, mentre le loro coetanee invece esigono qualche forma di eccellenza, magari anche solo una capacità sportiva o una motocicletta rombante. I ragazzi ammirano le dive perché sono belle e, se non lo sono, non esitano a preferire loro delle bellezze anonime. Le ragazzine, invece, tendono ad innamorarsi dei divi dello spettacolo più noti e celebrati. Anche in seguito le donne conservano questa particolare propensione per chi emerge, per chi ha successo e, in generale, sono " più esigenti" dei maschi. Maschi e femmine sono ugualmente infedeli, ma mentre i maschi sono pronti a tradire con qualsiasi tipi di donna, le donne tradiscono solo con qualcuno per cui ne vale la pena. Nel rapporto di corteggiamento la donna mette sempre alla prova l'uomo. Per esempio si aspetta che sappia decifrare se il suo rifiuto è veramente un no o un invito a continuare il corteggiamento.

Queste differenze scompaiono solo nel caso dell'innamoramento. Lo stato nascente amoroso è identico nei due sessi. Entrambi trasfigurano il loro amato. Mentre però l'innamoramento arriva agli uomini come qualcosa di improvviso e sconcertante, le donne sanno analizzare e conoscere meglio i propri sentimenti e accettano meglio il propri amore. Per questo una donna innamorata fiorisce mentre un uomo spesso appare sconvolto e imbarazzato.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Guarda che Sandroccio più in là del Giornale non va. poi 200 pagine tutte insieme ...
avatar
oedipus
Esploratore
Esploratore

Messaggi : 225
Data d'iscrizione : 18.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Ven 1 Dic 2017 - 22:09

Alberoni, come intellettuale, ha dato un grande contributo quando faceva il sociologo e analizzava la nascita e il consolidamento dei movimenti politici. Poi ha scritto solo delle grandi cagate, perchè non avendo più idee, e andando in cerca di facili guadagni, ha trasposto nella sfera affettiva e sentimentale le sue osservazioni in politica. Non si è più occupato della nascita dei movimenti, ma della nascita dell'amore, vale a dire dell'innamoramento. Mi auguro che tu un giorno possa leggere i primi libri di Alberoni, dove ha scritto davvero cose interessanti. L'altro Alberoni non vale un'unghia del primo. Detto questo, secondo me il comportamento delle donne in amore è determinato anche dai fattori culturali. Le donne italiane - contrariamente alle anglosassoni - sono state allevate nel culto di Maria e di Lucia Mondella. Aggiungi che dipendevano dal maschio in tutto e per tutto, soprattutto dal punto di vista economico, e così si capisce perchè avessero una grande difficoltà nel dare sfogo alla propria libido. Infatti quando le donne hanno conquistato l'indipendenza economica e il potere, prima hanno abbandonato il culto di Maria e poi, molte di loro, si sono dedicate alla pazza gioia. E dopo anni di rinunce e sacrifici hanno fatto bene.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Ven 1 Dic 2017 - 22:11

oedipus ha scritto:
gus ha scritto:EROTISMO di Alberoni

Il libro, di circa 200 pagine, espone due tipi molto diversi di sensibilità erotica che, in ampia misura, corrispondono anche al genere maschie e femminile. Mentre l'erotismo maschile è fondamentalmente visivo, genitale, promiscuo, quello femminile è diffuso, coinvolge tutti gli aspetti sensoriali e si rivolge a qualcuno che ha valore, che emerge. L'erotismo maschile è eccitato dalle forme fisiche, dalla visione del rapporto sessuale. Quello femminile invece é più influenzato dai sentimenti, dalla passione, dal valore. Il maschio spesso desidera un rapporto sessuale con una donna anche quando non prova per lei alcun interesse sentimentale, o addirittura nessun desiderio di dialogare (pensiamo alla prostituta). La donna invece cerca sempre nell'uomo un rapporto psicologico o perlomeno qualche qualità morale o sociale. Così può essere molto attratta da un uomo importante, un campione sportivo, un divo e desiderare di fare all'amore con lui, ma solo perché ha un valore. Può anche desiderare molto un uomo bello, ma perché vive la bellezza come un segno di eccellenza.

Di conseguenza la pornografia, fatta dal puro succedersi di atti sessuali fra uomini e donne diversi, è perciò un genere fondamentalmente maschile. Il suo corrispondente femminile è la soap opera, il romanzo rosa dove, invece, contano moltissimo i caratteri dei personaggi e la storia, le difficoltà da superare. Anche la memoria erotica dei due sessi segue le stesse regole. Quella maschile ricorda con esattezza la situazione di piacere sessuale, mentre quella femminile, di solito, ricorda il rapporto erotico nel suo complesso.

Queste diversità appaiono precocemente. Le bambine analizzano e discutono molto più dei maschi le situazioni amorose. Nei maschi la sessualità spesso arriva come qualcosa di estraneo. Il ragazzo può essere innamorato di una ragazzina ed eccitarsi sessualmente di fronte ad un giornaletto pornografico. Nelle ragazze, invece, col risveglio della pubertà, l'erotismo si innesta su sentimento e sogni. I ragazzi sono attratti sessualmente da tutte le femmine con certe caratteristiche fisiche, mentre le loro coetanee invece esigono qualche forma di eccellenza, magari anche solo una capacità sportiva o una motocicletta rombante. I ragazzi ammirano le dive perché sono belle e, se non lo sono, non esitano a preferire loro delle bellezze anonime. Le ragazzine, invece, tendono ad innamorarsi dei divi dello spettacolo più noti e celebrati. Anche in seguito le donne conservano questa particolare propensione per chi emerge, per chi ha successo e, in generale, sono " più esigenti" dei maschi. Maschi e femmine sono ugualmente infedeli, ma mentre i maschi sono pronti a tradire con qualsiasi tipi di donna, le donne tradiscono solo con qualcuno per cui ne vale la pena. Nel rapporto di corteggiamento la donna mette sempre alla prova l'uomo. Per esempio si aspetta che sappia decifrare se il suo rifiuto è veramente un no o un invito a continuare il corteggiamento.

Queste differenze scompaiono solo nel caso dell'innamoramento. Lo stato nascente amoroso è identico nei due sessi. Entrambi trasfigurano il loro amato. Mentre però l'innamoramento arriva agli uomini come qualcosa di improvviso e sconcertante, le donne sanno analizzare e conoscere meglio i propri sentimenti e accettano meglio il propri amore. Per questo una donna innamorata fiorisce mentre un uomo spesso appare sconvolto e imbarazzato.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


Guarda che Sandroccio più in là del Giornale non va. poi 200 pagine tutte insieme ...
Prometto che quando pubblicherai qualcosa che hai scritto a spese dell'editore e non tue, ti leggerò Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Ven 1 Dic 2017 - 22:13

E una volta per tutte, sono stufo di leggere gli uomini che perdono tempo a scrivere su come siano fatte le donne. Fanno ridere, compreso Alberoni.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Ven 1 Dic 2017 - 22:21

Preferisco mille volte le donne che parlano degli uomini. Non si prendono sul serio e sono ironiche Razz
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  oedipus il Ven 1 Dic 2017 - 22:27

sandrocchio ha scritto:
oedipus ha scritto:

gus ha scritto:EROTISMO di Alberoni

Il libro, di circa 200 pagine, espone due tipi molto diversi di sensibilità erotica che, in ampia misura, corrispondono anche al genere maschie e femminile. Mentre l'erotismo maschile è fondamentalmente visivo, genitale, promiscuo, quello femminile è diffuso, coinvolge tutti gli aspetti sensoriali e si rivolge a qualcuno che ha valore, che emerge. L'erotismo maschile è eccitato dalle forme fisiche, dalla visione del rapporto sessuale. Quello femminile invece é più influenzato dai sentimenti, dalla passione, dal valore. Il maschio spesso desidera un rapporto sessuale con una donna anche quando non prova per lei alcun interesse sentimentale, o addirittura nessun desiderio di dialogare (pensiamo alla prostituta). La donna invece cerca sempre nell'uomo un rapporto psicologico o perlomeno qualche qualità morale o sociale. Così può essere molto attratta da un uomo importante, un campione sportivo, un divo e desiderare di fare all'amore con lui, ma solo perché ha un valore. Può anche desiderare molto un uomo bello, ma perché vive la bellezza come un segno di eccellenza.

Di conseguenza la pornografia, fatta dal puro succedersi di atti sessuali fra uomini e donne diversi, è perciò un genere fondamentalmente maschile. Il suo corrispondente femminile è la soap opera, il romanzo rosa dove, invece, contano moltissimo i caratteri dei personaggi e la storia, le difficoltà da superare. Anche la memoria erotica dei due sessi segue le stesse regole. Quella maschile ricorda con esattezza la situazione di piacere sessuale, mentre quella femminile, di solito, ricorda il rapporto erotico nel suo complesso.

Queste diversità appaiono precocemente. Le bambine analizzano e discutono molto più dei maschi le situazioni amorose. Nei maschi la sessualità spesso arriva come qualcosa di estraneo. Il ragazzo può essere innamorato di una ragazzina ed eccitarsi sessualmente di fronte ad un giornaletto pornografico. Nelle ragazze, invece, col risveglio della pubertà, l'erotismo si innesta su sentimento e sogni. I ragazzi sono attratti sessualmente da tutte le femmine con certe caratteristiche fisiche, mentre le loro coetanee invece esigono qualche forma di eccellenza, magari anche solo una capacità sportiva o una motocicletta rombante. I ragazzi ammirano le dive perché sono belle e, se non lo sono, non esitano a preferire loro delle bellezze anonime. Le ragazzine, invece, tendono ad innamorarsi dei divi dello spettacolo più noti e celebrati. Anche in seguito le donne conservano questa particolare propensione per chi emerge, per chi ha successo e, in generale, sono " più esigenti" dei maschi. Maschi e femmine sono ugualmente infedeli, ma mentre i maschi sono pronti a tradire con qualsiasi tipi di donna, le donne tradiscono solo con qualcuno per cui ne vale la pena. Nel rapporto di corteggiamento la donna mette sempre alla prova l'uomo. Per esempio si aspetta che sappia decifrare se il suo rifiuto è veramente un no o un invito a continuare il corteggiamento.

Queste differenze scompaiono solo nel caso dell'innamoramento. Lo stato nascente amoroso è identico nei due sessi. Entrambi trasfigurano il loro amato. Mentre però l'innamoramento arriva agli uomini come qualcosa di improvviso e sconcertante, le donne sanno analizzare e conoscere meglio i propri sentimenti e accettano meglio il propri amore. Per questo una donna innamorata fiorisce mentre un uomo spesso appare sconvolto e imbarazzato.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]



Guarda che Sandroccio più in là del Giornale non va. poi 200 pagine tutte insieme ...

Prometto che quando pubblicherai qualcosa che hai scritto a spese dell'editore e non tue, ti leggerò Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

meglio di no, perché al di fuori del Giornale non capisci un cazzo.
avatar
oedipus
Esploratore
Esploratore

Messaggi : 225
Data d'iscrizione : 18.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Ven 1 Dic 2017 - 23:44

oedipus ha scritto:
sandrocchio ha scritto:

oedipus ha scritto:


gus ha scritto:EROTISMO di Alberoni

Il libro, di circa 200 pagine, espone due tipi molto diversi di sensibilità erotica che, in ampia misura, corrispondono anche al genere maschie e femminile. Mentre l'erotismo maschile è fondamentalmente visivo, genitale, promiscuo, quello femminile è diffuso, coinvolge tutti gli aspetti sensoriali e si rivolge a qualcuno che ha valore, che emerge. L'erotismo maschile è eccitato dalle forme fisiche, dalla visione del rapporto sessuale. Quello femminile invece é più influenzato dai sentimenti, dalla passione, dal valore. Il maschio spesso desidera un rapporto sessuale con una donna anche quando non prova per lei alcun interesse sentimentale, o addirittura nessun desiderio di dialogare (pensiamo alla prostituta). La donna invece cerca sempre nell'uomo un rapporto psicologico o perlomeno qualche qualità morale o sociale. Così può essere molto attratta da un uomo importante, un campione sportivo, un divo e desiderare di fare all'amore con lui, ma solo perché ha un valore. Può anche desiderare molto un uomo bello, ma perché vive la bellezza come un segno di eccellenza.

Di conseguenza la pornografia, fatta dal puro succedersi di atti sessuali fra uomini e donne diversi, è perciò un genere fondamentalmente maschile. Il suo corrispondente femminile è la soap opera, il romanzo rosa dove, invece, contano moltissimo i caratteri dei personaggi e la storia, le difficoltà da superare. Anche la memoria erotica dei due sessi segue le stesse regole. Quella maschile ricorda con esattezza la situazione di piacere sessuale, mentre quella femminile, di solito, ricorda il rapporto erotico nel suo complesso.

Queste diversità appaiono precocemente. Le bambine analizzano e discutono molto più dei maschi le situazioni amorose. Nei maschi la sessualità spesso arriva come qualcosa di estraneo. Il ragazzo può essere innamorato di una ragazzina ed eccitarsi sessualmente di fronte ad un giornaletto pornografico. Nelle ragazze, invece, col risveglio della pubertà, l'erotismo si innesta su sentimento e sogni. I ragazzi sono attratti sessualmente da tutte le femmine con certe caratteristiche fisiche, mentre le loro coetanee invece esigono qualche forma di eccellenza, magari anche solo una capacità sportiva o una motocicletta rombante. I ragazzi ammirano le dive perché sono belle e, se non lo sono, non esitano a preferire loro delle bellezze anonime. Le ragazzine, invece, tendono ad innamorarsi dei divi dello spettacolo più noti e celebrati. Anche in seguito le donne conservano questa particolare propensione per chi emerge, per chi ha successo e, in generale, sono " più esigenti" dei maschi. Maschi e femmine sono ugualmente infedeli, ma mentre i maschi sono pronti a tradire con qualsiasi tipi di donna, le donne tradiscono solo con qualcuno per cui ne vale la pena. Nel rapporto di corteggiamento la donna mette sempre alla prova l'uomo. Per esempio si aspetta che sappia decifrare se il suo rifiuto è veramente un no o un invito a continuare il corteggiamento.

Queste differenze scompaiono solo nel caso dell'innamoramento. Lo stato nascente amoroso è identico nei due sessi. Entrambi trasfigurano il loro amato. Mentre però l'innamoramento arriva agli uomini come qualcosa di improvviso e sconcertante, le donne sanno analizzare e conoscere meglio i propri sentimenti e accettano meglio il propri amore. Per questo una donna innamorata fiorisce mentre un uomo spesso appare sconvolto e imbarazzato.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]




Guarda che Sandroccio più in là del Giornale non va. poi 200 pagine tutte insieme ...


Prometto che quando pubblicherai qualcosa che hai scritto a spese dell'editore e non tue, ti leggerò Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy


meglio di no, perché al di fuori del Giornale non capisci un cazzo.
E io, nonostante l'insulto, ti auguro di trovare un editore che capisca tutto e ti valorizzi. Chissà che Oedipus un giorno non riesca ad oscurare Kafka Very Happy Very Happy Very Happy
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

erotismo

Messaggio  gus il Sab 2 Dic 2017 - 7:20

sandrocchio ha scritto:E una volta per tutte, sono stufo di leggere gli uomini che perdono tempo a scrivere su come siano fatte le donne. Fanno ridere, compreso Alberoni.


Flea aveva più volte evocato l'erotismo. Io avevo preparato un buon commento, anche senza leggere Alberoni. Stranamente il sistema dopo l'invio del mi avverte che c'era un altro commento e dovevo confermare il mio. Una diavoleria di questa baracca di forum. Avevo già cambiato pagina e quello che avevo scritto è andato perso. Non mi andava di iniziare di nuovo il discorso sull'erotismo e ho usato Alberoni che per me ha spiegato bene.
avatar
gus
Abituale
Abituale

Messaggi : 4037
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Italia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Sab 2 Dic 2017 - 8:23

Il problema non è la spiegazione di Alberoni. Il problema è che un uomo non dovrebbe permettersi di spiegare come siano fatte le donne, perchè non lo sa. Anche se è un intellettuale, non lo sa. tanto più che quell'idiota non era nemmeno uno psicologo, era un sociologo, uno studioso di politica e scienze sociali. Che cazzo c'entra la sociologia con l'erotismo? Uno che non era uno psicologo, per di più uomo, che parlava delle donne. La ricerca del facile successo può portare anche le menti più illuminate a comportarsi da imbecilli. Alberoni non lo era. Lo è diventato.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Sab 2 Dic 2017 - 8:25

Invito le donne a mandare apertamente affanculo tutti gli uomini che vogliono spiegarci come loro siano fatte. Fatevi sentire, per la miseriaccia ladra Twisted Evil
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  oedipus il Sab 2 Dic 2017 - 9:53

sandrocchio ha scritto:
oedipus ha scritto:




meglio di no, perché al di fuori del Giornale non capisci un cazzo.

E io, nonostante l'insulto, ti auguro di trovare un editore che capisca tutto e ti valorizzi. Chissà che Oedipus un giorno non riesca ad oscurare Kafka Very Happy Very Happy Very Happy

Se tu avessi letto una sola pagina di Kafka sapresti che non può essere oscurato da nessuno!
avatar
oedipus
Esploratore
Esploratore

Messaggi : 225
Data d'iscrizione : 18.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Kafka per Enrico

Messaggio  gus il Sab 2 Dic 2017 - 11:10

La vettura si avvicina a una fermata e una ragazza è pronta a scendere.
E' vestita di nero, le pieghe della gonna si muovono appena, ha la camicetta attillata con un colletto di trina bianca dalle maglie minuscole.
Ha il volto bruno, i capelli castani scuri e piccoli ciuffi disordinati sulla tempia destra.
Io non posso nemmeno giustificare perché mi trovi su questa piattaforma, perché mi aggrappi a questa maniglia e mi faccia trasportare da questa vettura, perché la gente si scansi davanti alla vettura o cammini imperterrita, o si riposi davanti alle vetrine. Del resto nessuno me lo chiede, ma ciò non ha importanza.
avatar
gus
Abituale
Abituale

Messaggi : 4037
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Italia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Sab 2 Dic 2017 - 14:58

oedipus ha scritto:

sandrocchio ha scritto:


oedipus ha scritto:




meglio di no, perché al di fuori del Giornale non capisci un cazzo.



E io, nonostante l'insulto, ti auguro di trovare un editore che capisca tutto e ti valorizzi. Chissà che Oedipus un giorno non riesca ad oscurare Kafka Very Happy Very Happy Very Happy


Se tu avessi letto una sola pagina di Kafka sapresti che non può essere oscurato da nessuno!
Possibile che tu non riesca a scrivere un post senza dire cazzate? C'è anche chi non ama Kafka, come c'è chi non ama Proust e c'è chi non ama Dostoevbskij ... vabbè, non so come si scrive Dostoecc. ecc. diciamo Tolstoj, che è più facile, Un giorno, chissà, dopo la tua morte, anche tu potresti diventare famoso, e qualcuno dirà che Oedipus è un grande scrittore,al che un altro gli risponderà che va bene per essere letto sul cesso al posto di Quattroruote. Non esiste la grandezza oggettiva nell'arte. Esiste un valore di mercato, che non sempre - forse quasi mai - corrisponde alla grandezza dell'artista, perchè le variabili alla base del valore di mercato sono dettate anche dalle mode del momento. La grandezza di Kafka, pertanto, è tutt'altro che indiscutibile, Lascia perdere ... forseè troppo complicato per te.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Sab 2 Dic 2017 - 15:02

Tanto per fare un esempio, così sei in grado di comprendere. Venti o trent'anni fa nessuno avrebbe osato mettere in discussione la validità di un romanzo di merda come "La nausea" di Sartre o certe schifezze di Pasolini, che saranno pure stati dei grandi intellettuali(forse ...), ma come scrittori forse erano peggiori di te.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  savita il Sab 2 Dic 2017 - 17:08

Invece io mi ci ritrovo  nell'analisi di Alberoni.
Quando ero ragazzina    ,  dai 13 anni in su per bel un po', prendevo cotte  per certi perosnaggi maschili    dei libri, senza coinvolgimento erotico, per quel che ne sapevo allora . Mi piaceva Franco ( Feri )  Ats , nei  Ragazzi di Via Paal . Che poi era appena delineato e non credo mai decritto fisicamente , un capobanda di ragazzini  un po' prepotenti    ,mi  ricordo il loro Einstand .
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15035
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  savita il Sab 2 Dic 2017 - 17:13

flea ha scritto:

No, non nessun tipo di amore, ma l'amore erotico.
Essendo, quando si è in giovane età, un mix micidiale di impulsi biologici, bisogno di amicizia profonda, bisogni fusionali, ed altro, se ci si mettono anche le carenze affettive (che tutti hanno, ma alcuni di più e più profonde), può essere abbastanza devastante, con o senza perdita.
Quindi ricordo che provavo  invidia per le persone che invece vivevano in altro modo. Perché possedendo loro stesse, possedevano la propria vita.
Io almeno l'ho vissuto così, e a guardarmi indietro mi sembra incredibile.
Per me era bello anche soffrire , anche essere rifiutati, ma comunque amare . Provare una passione intensa anche se non corrisposta, era bellissimo.
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15035
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  sandrocchio il Sab 2 Dic 2017 - 17:18

Ma per favore ... Bellissimo soffrire per amore? Certo, a quarant'anni di distanza, quando quella sofferenza è solo un ricordo, ma non nel momento in cui si soffre.Se così non fosse, gli adolescenti e i giovani sui vent'anni sarebbero consapevoli della bellezza della loro età. Non lo sono proprio perchè a quell'età si soffre molto e i problemi vengono ingigangtiti
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 13331
Data d'iscrizione : 21.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  savita il Sab 2 Dic 2017 - 17:35

sandrocchio ha scritto:Ma per favore ... Bellissimo soffrire per amore? Certo, a quarant'anni di distanza, quando quella sofferenza è solo un ricordo, ma non nel momento in cui si soffre.Se così non fosse, gli adolescenti e i giovani sui vent'anni sarebbero consapevoli della bellezza della loro età. Non lo sono proprio perchè a quell'età si soffre molto e i problemi vengono ingigangtiti
Certo sarebbe stato più gratificante essere corrisposti . Ma non avere neanche una passione sarebbe stato peggio , che tristezza , che depressione . Io sono stata sempre innamorata di qualcuno.
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15035
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  oedipus il Sab 2 Dic 2017 - 19:08

gus ha scritto:La vettura si avvicina a una fermata e una ragazza è pronta a scendere.
E' vestita di nero, le pieghe della gonna si muovono appena, ha la camicetta attillata con un colletto di trina bianca dalle maglie minuscole.
Ha il volto bruno, i capelli castani scuri e piccoli ciuffi disordinati sulla tempia destra.
Io non posso nemmeno giustificare perché mi trovi su questa piattaforma, perché mi aggrappi a questa maniglia e mi faccia trasportare da questa vettura, perché la gente si scansi davanti alla vettura o cammini imperterrita, o si riposi davanti alle vetrine. Del resto nessuno me lo chiede, ma ciò non ha importanza.

Irraggiungibile ...
avatar
oedipus
Esploratore
Esploratore

Messaggi : 225
Data d'iscrizione : 18.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Confessione notturna

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum