Genitori che non capiscono

Andare in basso

Genitori che non capiscono

Messaggio  sandrocchio il Dom 14 Gen 2018 - 10:30

Hanno un figlio, Paolo (nome inventato) di 19 anni. Il padre: "Quest'anno si diploma, ma non sa se iscriversi all'università. Vorrebbe dedicarsi alla musica. Si diverte a fare musica". "Si diverte?", chiedo. "Sì, si diverte". "Nel senso che gli piace ...", dico io. La madre mi guarda come se parlasse con un pazzo: "Se si diverte - bofonchia - vuol dire che gli piace", e sorride, con aria di superiorità. "Quindi vorrebbe diventare un professionista nel campo musicale, però si diverte". Il padre: "Credo che sia il sogno di tutti divertirsi nel fare il proprio lavoro". "E chi non lo capisce - aggiunge la madre, punzecchiandomi - forse è un po' invidioso". Ho capito che stavo parlando con due ebeti, e ho lasciato perdere. Adesso vediamo di capirci. Una cosa è dire: "Mi piace fare musica", un'altra è dire: "Mi diverte fare musica". Se sei o se vuoi diventare un professionista in un settore, puoi amare quello che fai, ti può piacere quello che fai, ma se sei un professionista unisci il piacere al rigore. Se ti diverti a fare quello che fai, sarai sempre un dilettante. Il divertimento si accompagna con la spensieratezza, laddove il professionismo esige rigore, serietà, capacità di sopportare la routine. Esempio concreto: se io sono un calciatore professionista, nel tempo libero mi posso dilettare e divertirmi a suonare la chitarra, ma nel calcio - che per me è professione, fonte di guadagno - la spensieratezza la lascio da parte. Se invece io fossi un chitarrista professionista, potrei divertirmi a giocare al calcio, ma non divertirmi a fare musica. Ecco quello che non hanno capito i due ebeti: se ti diverti, sei un dilettante. Se lo fai con rigore, perchè quella è la tua vita e la fonte del tuo benessere materiale, ti può piacere quello che fai, ma non puoi trovarlo divertente. Si diverte chi ti ascolta nel suo tempo libero, ma non tu che offri il servizio, basato sulla tua creatività. Se il figlio di 19 anni si diverte a fare musica, in quel campo sarà sempre un dilettante. Il professionismo esige rigore, non spensieratezza.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15057
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Genitori che non capiscono

Messaggio  sandrocchio il Dom 14 Gen 2018 - 10:37

Se tuo figlio è incerto se proseguire gli studi o abbandonare tutto per la musica, lo prendi e gli parli seriamente. "Se vuoi diventare un professionista della musica, la chitarra non è più un divertimento, anche se ti piace suonarla. Quella diventa la tua vita, quindi devi accostarti allo strumento col rigore di un professionista. Devi pensare a migliorarti continuamente, a capirne tutti i segreti, a sudare con la chitarra". E' chiaro che quel poveraccio non sa che fare, con due genitori come quelli. "Si diverte a fare musica quindi può farne la sua professione". E io sarei l'invidioso, perchè distinguo il piacere dal divertimento. Imbecilli Evil or Very Mad
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15057
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Genitori che non capiscono

Messaggio  sandrocchio il Dom 14 Gen 2018 - 10:40

Ecco l'esempio di due genitori che amano il figlio, stravedono per lui, ma non sanno guidarlo. Se quel ragazzo non se la cava da solo nelle decisioni importanti, è finito. Perchè due come quelli non potranno mai consigliarlo.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15057
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Genitori che non capiscono

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum