Wolf

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  wolftheoriginal il Mar 27 Mar 2018 - 12:22

gus ha scritto:
sandrocchio ha scritto:Il problema vero non è il mistero di Dio, perchè è chiaro che con la venuta di Cristo Dio ha scelto la strada della rivelazione. Il problema vero è il ruolo della Chiesa dopo la Rivelazione di Dio. Una volta che Dio si rivela, a cosa serve la Chiesa? La Chiesa è fondamentale perchè la Rivelazione di Dio è così fragorosa, straordinaria che l'essere umano non può comprenderla in tutta la sua pienezza contando solo sulle proprie forze. Pensare di avvicinarsi a Dio solo sulla base di uno sforzo individuale è peccato d'orgoglio. Se Dio continuasse a essere mistero, sarebbero inutili sia Cristo, sia la Chiesa. A che serve andare in Chiesa se Dio è un mistero cui non posso arrivare? La Chiesa mi aiuta a capire la portata della rivelazione di Dio, proprio perchè Dio non è più mistero, ma Rivelazione. Gus, sei un eretico, e non scherzo. Seguendo il tuo ragionamento, basato sul mistero di Dio, la Chiesa diventa una sorta di zavorra, di inutile orpello fine a se stesso, visto che Dio continua a essere mistero. Sei sulla cattiva strada.



Non capisci il significato di mistero. Come fai a non rabbrividire quando trovi scritta la parola "eterno". Dio è sempre esistito, quindi non è nato e non può morire.



In principio era il Verbo,
il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era in principio presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui,
e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che
esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre,
ma le tenebre non l'hanno accolta.
Venne un uomo mandato da Dio
e il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per rendere testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Egli non era la luce,
ma doveva render testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo
la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Egli era nel mondo,
e il mondo fu fatto per mezzo di lui,
eppure il mondo non lo riconobbe.
Venne fra la sua gente,
ma i suoi non l'hanno accolto.
A quanti però l'hanno accolto,
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali non da sangue,
né da volere di carne,
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi vedemmo la sua gloria,
gloria come di unigenito dal Padre,
pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli rende testimonianza
e grida: «Ecco l'uomo di cui io dissi:
Colui che viene dopo di me
mi è passato avanti,
perché era prima di me».
Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto
e grazia su grazia.
Perché la legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio nessuno l'ha mai visto:
proprio il Figlio unigenito,
che è nel seno del Padre,
lui lo ha rivelato.
Stai citando Giov. 1:1-18...riesci a leggere tra le righe? Tra qui versi si trova un patrimonio di informazioni che vanno al di la di un testo religioso. Se usi solamente la chiave teologica per decifrarli perdi parecchio.
Diverse religioni, in particolare il cristianesimo(di qualsiasi denominazione esso sia) sente il continuo bisogno di rappresentare cio' che per semplificare viene chiamato Dio necessariamente come una persona(che sia una o trina), un essere, etc. Ecco che il concetto dell'eternita', divenuto ostaggio del linguaggio religioso da troppo tempo ormai, diventa mentalmente inimmaginabile. E se "Dio" non fosse un essere, se non fosse una persona, se non fosse una entita', nel modo in cui ci e' stato insegnato fin da piccoli?......
avatar
wolftheoriginal
ardimentoso
ardimentoso

Messaggi : 5517
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Colchester

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  gus il Mar 27 Mar 2018 - 12:33

wolftheoriginal ha scritto:
gus ha scritto:

sandrocchio ha scritto:Il problema vero non è il mistero di Dio, perchè è chiaro che con la venuta di Cristo Dio ha scelto la strada della rivelazione. Il problema vero è il ruolo della Chiesa dopo la Rivelazione di Dio. Una volta che Dio si rivela, a cosa serve la Chiesa? La Chiesa è fondamentale perchè la Rivelazione di Dio è così fragorosa, straordinaria che l'essere umano non può comprenderla in tutta la sua pienezza contando solo sulle proprie forze. Pensare di avvicinarsi a Dio solo sulla base di uno sforzo individuale è peccato d'orgoglio. Se Dio continuasse a essere mistero, sarebbero inutili sia Cristo, sia la Chiesa. A che serve andare in Chiesa se Dio è un mistero cui non posso arrivare? La Chiesa mi aiuta a capire la portata della rivelazione di Dio, proprio perchè Dio non è più mistero, ma Rivelazione. Gus, sei un eretico, e non scherzo. Seguendo il tuo ragionamento, basato sul mistero di Dio, la Chiesa diventa una sorta di zavorra, di inutile orpello fine a se stesso, visto che Dio continua a essere mistero. Sei sulla cattiva strada.




Non capisci il significato di mistero. Come fai a non rabbrividire quando trovi scritta la parola "eterno". Dio è sempre esistito, quindi non è nato e non può morire.



In principio era il Verbo,
il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era in principio presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui,
e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che
esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre,
ma le tenebre non l'hanno accolta.
Venne un uomo mandato da Dio
e il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per rendere testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Egli non era la luce,
ma doveva render testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo
la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Egli era nel mondo,
e il mondo fu fatto per mezzo di lui,
eppure il mondo non lo riconobbe.
Venne fra la sua gente,
ma i suoi non l'hanno accolto.
A quanti però l'hanno accolto,
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali non da sangue,
né da volere di carne,
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi vedemmo la sua gloria,
gloria come di unigenito dal Padre,
pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli rende testimonianza
e grida: «Ecco l'uomo di cui io dissi:
Colui che viene dopo di me
mi è passato avanti,
perché era prima di me».
Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto
e grazia su grazia.
Perché la legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio nessuno l'ha mai visto:
proprio il Figlio unigenito,
che è nel seno del Padre,
lui lo ha rivelato.

Stai citando Giov. 1:1-18...riesci a leggere tra le righe? Tra qui versi si trova un patrimonio di informazioni che vanno al di la di un testo religioso. Se usi solamente la chiave teologica per decifrarli perdi parecchio.
Diverse religioni, in particolare il cristianesimo(di qualsiasi denominazione esso sia) sente il continuo bisogno di rappresentare cio' che per semplificare viene chiamato Dio necessariamente come una persona(che sia una o trina), un essere, etc. Ecco che il concetto dell'eternita', divenuto ostaggio del linguaggio religioso da troppo tempo ormai, diventa mentalmente inimmaginabile. E se "Dio" non fosse un essere, se non fosse una persona, se non fosse una entita', nel modo in cui ci e' stato insegnato fin da piccoli?......


Tu sei un seguace di Lutero?
avatar
gus
intrepido
intrepido

Messaggi : 4260
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Italia

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  wolftheoriginal il Mar 27 Mar 2018 - 12:38

gus ha scritto:
wolftheoriginal ha scritto:

gus ha scritto:


sandrocchio ha scritto:Il problema vero non è il mistero di Dio, perchè è chiaro che con la venuta di Cristo Dio ha scelto la strada della rivelazione. Il problema vero è il ruolo della Chiesa dopo la Rivelazione di Dio. Una volta che Dio si rivela, a cosa serve la Chiesa? La Chiesa è fondamentale perchè la Rivelazione di Dio è così fragorosa, straordinaria che l'essere umano non può comprenderla in tutta la sua pienezza contando solo sulle proprie forze. Pensare di avvicinarsi a Dio solo sulla base di uno sforzo individuale è peccato d'orgoglio. Se Dio continuasse a essere mistero, sarebbero inutili sia Cristo, sia la Chiesa. A che serve andare in Chiesa se Dio è un mistero cui non posso arrivare? La Chiesa mi aiuta a capire la portata della rivelazione di Dio, proprio perchè Dio non è più mistero, ma Rivelazione. Gus, sei un eretico, e non scherzo. Seguendo il tuo ragionamento, basato sul mistero di Dio, la Chiesa diventa una sorta di zavorra, di inutile orpello fine a se stesso, visto che Dio continua a essere mistero. Sei sulla cattiva strada.





Non capisci il significato di mistero. Come fai a non rabbrividire quando trovi scritta la parola "eterno". Dio è sempre esistito, quindi non è nato e non può morire.



In principio era il Verbo,
il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era in principio presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui,
e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che
esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre,
ma le tenebre non l'hanno accolta.
Venne un uomo mandato da Dio
e il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per rendere testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Egli non era la luce,
ma doveva render testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo
la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Egli era nel mondo,
e il mondo fu fatto per mezzo di lui,
eppure il mondo non lo riconobbe.
Venne fra la sua gente,
ma i suoi non l'hanno accolto.
A quanti però l'hanno accolto,
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali non da sangue,
né da volere di carne,
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi vedemmo la sua gloria,
gloria come di unigenito dal Padre,
pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli rende testimonianza
e grida: «Ecco l'uomo di cui io dissi:
Colui che viene dopo di me
mi è passato avanti,
perché era prima di me».
Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto
e grazia su grazia.
Perché la legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio nessuno l'ha mai visto:
proprio il Figlio unigenito,
che è nel seno del Padre,
lui lo ha rivelato.


Stai citando Giov. 1:1-18...riesci a leggere tra le righe? Tra qui versi si trova un patrimonio di informazioni che vanno al di la di un testo religioso. Se usi solamente la chiave teologica per decifrarli perdi parecchio.
Diverse religioni, in particolare il cristianesimo(di qualsiasi denominazione esso sia) sente il continuo bisogno di rappresentare cio' che per semplificare viene chiamato Dio necessariamente come una persona(che sia una o trina), un essere, etc. Ecco che il concetto dell'eternita', divenuto ostaggio del linguaggio religioso da troppo tempo ormai, diventa mentalmente inimmaginabile. E se "Dio" non fosse un essere, se non fosse una persona, se non fosse una entita', nel modo in cui ci e' stato insegnato fin da piccoli?......



Tu sei un seguace di Lutero?
Tra i vari sentieri religiosi che ho percorso durante la mia vita c'e' stato anche quello per un periodo. Seguace e' un termine abbastanza pesante per il mio modo di vedere, diciamo che ero piu' un simpatizzante del suo modo d'interpretare all'epoca.
avatar
wolftheoriginal
ardimentoso
ardimentoso

Messaggi : 5517
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Colchester

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  gus il Mar 27 Mar 2018 - 13:40

wolftheoriginal ha scritto:
gus ha scritto:

wolftheoriginal ha scritto:


gus ha scritto:



sandrocchio ha scritto:Il problema vero non è il mistero di Dio, perchè è chiaro che con la venuta di Cristo Dio ha scelto la strada della rivelazione. Il problema vero è il ruolo della Chiesa dopo la Rivelazione di Dio. Una volta che Dio si rivela, a cosa serve la Chiesa? La Chiesa è fondamentale perchè la Rivelazione di Dio è così fragorosa, straordinaria che l'essere umano non può comprenderla in tutta la sua pienezza contando solo sulle proprie forze. Pensare di avvicinarsi a Dio solo sulla base di uno sforzo individuale è peccato d'orgoglio. Se Dio continuasse a essere mistero, sarebbero inutili sia Cristo, sia la Chiesa. A che serve andare in Chiesa se Dio è un mistero cui non posso arrivare? La Chiesa mi aiuta a capire la portata della rivelazione di Dio, proprio perchè Dio non è più mistero, ma Rivelazione. Gus, sei un eretico, e non scherzo. Seguendo il tuo ragionamento, basato sul mistero di Dio, la Chiesa diventa una sorta di zavorra, di inutile orpello fine a se stesso, visto che Dio continua a essere mistero. Sei sulla cattiva strada.






Non capisci il significato di mistero. Come fai a non rabbrividire quando trovi scritta la parola "eterno". Dio è sempre esistito, quindi non è nato e non può morire.



In principio era il Verbo,
il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era in principio presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui,
e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che
esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre,
ma le tenebre non l'hanno accolta.
Venne un uomo mandato da Dio
e il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per rendere testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Egli non era la luce,
ma doveva render testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo
la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Egli era nel mondo,
e il mondo fu fatto per mezzo di lui,
eppure il mondo non lo riconobbe.
Venne fra la sua gente,
ma i suoi non l'hanno accolto.
A quanti però l'hanno accolto,
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali non da sangue,
né da volere di carne,
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi vedemmo la sua gloria,
gloria come di unigenito dal Padre,
pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli rende testimonianza
e grida: «Ecco l'uomo di cui io dissi:
Colui che viene dopo di me
mi è passato avanti,
perché era prima di me».
Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto
e grazia su grazia.
Perché la legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio nessuno l'ha mai visto:
proprio il Figlio unigenito,
che è nel seno del Padre,
lui lo ha rivelato.



Stai citando Giov. 1:1-18...riesci a leggere tra le righe? Tra qui versi si trova un patrimonio di informazioni che vanno al di la di un testo religioso. Se usi solamente la chiave teologica per decifrarli perdi parecchio.
Diverse religioni, in particolare il cristianesimo(di qualsiasi denominazione esso sia) sente il continuo bisogno di rappresentare cio' che per semplificare viene chiamato Dio necessariamente come una persona(che sia una o trina), un essere, etc. Ecco che il concetto dell'eternita', divenuto ostaggio del linguaggio religioso da troppo tempo ormai, diventa mentalmente inimmaginabile. E se "Dio" non fosse un essere, se non fosse una persona, se non fosse una entita', nel modo in cui ci e' stato insegnato fin da piccoli?......




Tu sei un seguace di Lutero?

Tra i vari sentieri religiosi che ho percorso durante la mia vita c'e' stato anche quello per un periodo. Seguace e' un termine abbastanza pesante per il mio modo di vedere, diciamo che ero piu' un simpatizzante del suo modo d'interpretare all'epoca.


Giusto, ma non l'ho detto in senso malevole. Lutero è una grande mente e io l'apprezzo ma quello che mi intimorisce è il suo concetto che grazie alla fede si possa capire la Bibbia finisca poi nel nascere di religioni personali sino a degenerare in religioni tascabili. L'esempio concreto è in questo forum. Senza offesa parlo di Sandrocchio.
avatar
gus
intrepido
intrepido

Messaggi : 4260
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Italia

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 1:12

Senti, Gus, parliamoci chiaramente. Ammettiamo che in questo forum ci sia uno che si chiami Pincopallo. Pincopallo è uno che ha un sacco di tempo a sua disposizione, e poichè è arrivato a un punto della vita in cui non ha da fare quasi nulla di utile, decide di seguire dei corsi di Teologia, un po' per ammazzare il tempo, un po' perchè la cosa lo stimola. Segue i corsi e per premiare la sua fedeltà gli danno un attestato. Attestato che non ha alcun valore, ma lo gratifica. E fin qui nulla di male. Ma se sulla base di quell'attestato che non definisce nulla in base ai suoi effettivi meriti, essendo solo un premio-fedeltà, si permette di giudicare la preparazione di altri forumisti, allora merita di essere trattato in modo rude. Gus, tu di teologia non capisci un benemerito cazzo. Ti ho posto una sola domanda, e a quella domanda non hai saputo dare risposta: se Dio è mistero, se il suo disegno - nonostante la venuta di Cristo - è imperscrutabile, come fai ad accedere al Paradiso attraverso il dono del libero arbitrio? O mi rispondi o dei tuoi attestati di teologia puoi farne carta straccia, perchè non ti sono serviti a niente.


Ultima modifica di sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 1:32, modificato 1 volta
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 1:17

Vieni qui a sbandierare i tuoi attestati. Ma chi se ne frega? DImostrami di avere capito qualcosa di ciò che ti hanno detto, e mi farà piacere riconoscertelo. Ma se alla fine della fiera tu segui dei corsi di Teologia per dire che Dio è mistero, hai buttato via il tuo tempo. Mi chiedo cosa ti abbiano fatto leggere in quei corsi. Cerca di essere meno vanitoso e più concreto. Lascia perdere gli attestati e le medaglie e vieni al sodo. Tu, in Paradiso, come ci vai, se Dio è mistero?
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 1:20

E comunque dovrebbero fare maggiore attenzione nel dare gli attestati. Come minimo dovrebbero far sostenere un esame, per valutare oggettivamente la preparazione effettiva dei partecipanti. Allora sì, l'attestato avrebbe un valore. Dato così, come premio-fedeltà, l'attestato equivale più o meno a un titolo di studio rilasciato dalla scuola italiana. Zero virgola zero.
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  gus il Mer 28 Mar 2018 - 8:33

sandrocchio ha scritto:Senti, Gus, parliamoci chiaramente. Ammettiamo che in questo forum ci sia uno che si chiami Pincopallo. Pincopallo è uno che ha un sacco di tempo a sua disposizione, e poichè è arrivato a un punto della vita in cui non ha da fare quasi nulla di utile, decide di seguire dei corsi di Teologia, un po' per ammazzare il tempo, un po' perchè la cosa lo stimola. Segue i corsi e per premiare la sua fedeltà gli danno un attestato. Attestato che non ha alcun valore, ma lo gratifica. E fin qui nulla di male. Ma se sulla base di quell'attestato che non definisce nulla in base ai suoi effettivi meriti, essendo solo un premio-fedeltà, si permette di giudicare la preparazione di altri forumisti, allora merita di essere trattato in modo rude. Gus, tu di teologia non capisci un benemerito cazzo. Ti ho posto una sola domanda, e a quella domanda non hai saputo dare risposta: se Dio è mistero, se il suo disegno - nonostante la venuta di Cristo - è imperscrutabile, come fai ad accedere al Paradiso attraverso il dono del libero arbitrio? O mi rispondi o dei tuoi attestati di teologia puoi farne carta straccia, perchè non ti sono serviti a niente.


Tu non sai cosa sia un attestato di teologia. Sono lezioni due volte alla settimana su testi selezionati per il corso.
Significa per esempio che sul vangelo di Giovanni il corso l'ho tenuto io.
avatar
gus
intrepido
intrepido

Messaggi : 4260
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Italia

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 10:57

Vuol dire che la tua parrocchia è ridotta a mal partito. Tu insegni che Dio è mistero? E i tuoi alunni la bevono? Adesso capisco perchè Ratzinger s'è dimesso. Ha capito in che condizioni è la Chiesa in Italia e s'è arreso. Tu di Teologia non capisci nulla. Ma proprio zero. Scusami la franchezza, ma mi hai tirato per i capelli. Tu al massimo puoi scrivere qualcosa di Teologia su Topolino. A tredici anni i tuoi lettori ti abbandonano, e passano a cose serie.
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 10:59

Non è mia consuetudine maltrattare i forumisti. Finchè posso mi attengo all'argomento di un topic. Ma se un cialtrone mi tira per i capelli, rispondo. Non ci provare più, Gus. Tieniti i tuoi attestati ed evita di raccontare barzellette.
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 11:01

Fra l'altro non ti sei neanche sognato di rispondere alla domanda che ti ho posto. Se Dio è mistero, perchè Dio ci avrebbe fatto dono del libero arbitrio per salvarci? Niente. Da un orecchio ti è entrata, dall'altro ti è uscita. E ti fai passare per teologo. Ma per favore Rolling Eyes
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 11:01

A meno che tu non creda nel libero arbitrio, e allora sei un eretico.
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 11:03

Uno si fa passare per scrittore, un altro per teologo. E basta, piantatela lì!
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 11:05

Scusa per il tono, Wolf, ma mi rifiuto di assecondare la vanità di questo o quel forumista. Non sono per il quieto vivere. Dispiace, ma le cose stanno così.
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  oedipus il Mer 28 Mar 2018 - 11:37

gus ha scritto:
sandrocchio ha scritto:Senti, Gus, parliamoci chiaramente. Ammettiamo che in questo forum ci sia uno che si chiami Pincopallo. Pincopallo è uno che ha un sacco di tempo a sua disposizione, e poichè è arrivato a un punto della vita in cui non ha da fare quasi nulla di utile, decide di seguire dei corsi di Teologia, un po' per ammazzare il tempo, un po' perchè la cosa lo stimola. Segue i corsi e per premiare la sua fedeltà gli danno un attestato. Attestato che non ha alcun valore, ma lo gratifica. E fin qui nulla di male. Ma se sulla base di quell'attestato che non definisce nulla in base ai suoi effettivi meriti, essendo solo un premio-fedeltà, si permette di giudicare la preparazione di altri forumisti, allora merita di essere trattato in modo rude. Gus, tu di teologia non capisci un benemerito cazzo. Ti ho posto una sola domanda, e a quella domanda non hai saputo dare risposta: se Dio è mistero, se il suo disegno - nonostante la venuta di Cristo - è imperscrutabile, come fai ad accedere al Paradiso attraverso il dono del libero arbitrio? O mi rispondi o dei tuoi attestati di teologia puoi farne carta straccia, perchè non ti sono serviti a niente.



Tu non sai cosa sia un attestato di teologia. Sono lezioni due volte alla settimana su testi selezionati per il corso.
Significa per esempio che sul vangelo di Giovanni il corso l'ho tenuto io.

Anche se tu hai tenuto un corso non è detto che conosci la verità ... tu racconti una tua verità, una verità costruita nei secoli.
Ma forse, lo dico per te, dovresti spostare le tue conoscenze verso un punto diverso, dovresti insomma cominciare a leggere la letteratura dei materialisti o solo di stroria delle religioni per avere uno strumento di critica dei testi che commenti.
avatar
oedipus
audace
audace

Messaggi : 652
Data d'iscrizione : 18.07.17

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 11:37

Vorrei mantenere il dibattito in ambito civile. Ritiro il termine cialtrone. Del resto, al di là delle sue conclusioni, che non condivido, l'interesse di Gus per la Teologia è disinteressato, e va rispettato. Ma per favore, Gus, non tirarmi per i capelli. Mantieniti sull'argomento ed evita, per cortesia, di dare giudizi sul sottoscritto. Grazie.
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 11:46

Per esempio, un campo che andrebbe esplorato, su cui la teologia cattolica si è scontrata diverse volte - anche a causa della diffusione del Protestantesimo - è il rapporto fra il libero arbitrio e la grazia. Se Dio è mistero, escludi il libero arbitrio ma non puoi sapere se un fedele sia in stato di grazia o meno, se sia stato illuminato dal Signore. E' una predestinazione di cui non si conoscono i criteri. Ma se, al contrario, si accetta il fatto che Dio si è rivelato, anche non accettando il libero arbitrio, è possibile riconoscere lo stato di grazia. Questi sì, sono argomenti stimolanti, dove la Teologia si scontra fino al punto da costringere talvolta la Chiesa ad arrivare alla scomunica. Se proprio vogliamo discutere, si alzi il livello della discussione, senza soffermarsi sui giudizi relativi a questo o quel forumista.
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 11:51

Secondo me il dono del libero arbitrio esclude lo stato di grazia. Dio si rivela, ci dà la possibilità di scegliere se seguirlo o meno, poi ci giudica. Non con spietatezza, ma con una certa dose di severità. In sostanza, dal punto di vista teologico, personalmente sono favorevole alla riabilitazione totale della Volontà umana. Se Dio avesse concesso la Grazia a un'élite irriconoscibile, che senso avrebbero i Dieci Comandamenti? Che senso avrebbe la figura di Cristo, venuto e morto per darci un esempio concreto della volontà divina? Queste domande bisogna porsele, almeno secondo me.
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 11:57

Poi, per carità, se uno mi dice "Dio è mistero, Cristo era un millantatore, i Dieci Comandamenti se li è inventati Mosè per evitare la dispersione del suo popolo", OK, il discorso ha un senso. Però questa è eresia. E siamo a un passo dalla scomunica.
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 12:04

E al di là della teologia, non va trascurato l'elemento politico delle tesi luterane. Negare il libero arbitrio voleva dire negare la base su cui si sarebbe in seguito costruita la società borghese. Andiamoci piano con l'esaltazione di Lutero. Se avesse vinto lui, ci sarebbe ancora una società dominata dall'aristocrazia terriera al cui servizio si ponevano i servi della gleba. Prima di esaltare la riforma protestante, calma e gesso, anche se io - come ho scritto altre volte. sono affascinato dal rigore di Lutero. Però c'è un elemento politico con cui bisogna fare i conti ...
avatar
sandrocchio
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15106
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  savita il Mer 28 Mar 2018 - 12:13

oedipus ha scritto:
gus ha scritto:
Tu non sai cosa sia un attestato di teologia. Sono lezioni due volte alla settimana su testi selezionati per il corso.
Significa per esempio che sul vangelo di Giovanni il corso l'ho tenuto io.
Anche se tu hai tenuto un corso non è detto che conosci la verità ... tu racconti una tua verità, una verità costruita nei secoli.
Ma forse, lo dico per te, dovresti spostare le tue conoscenze verso un punto diverso, dovresti insomma cominciare a leggere la letteratura dei materialisti o solo di storia delle religioni per avere uno strumento di critica dei testi che commenti.
Condivido
avatar
savita
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15493
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  gus il Mer 28 Mar 2018 - 12:23

savita ha scritto:
oedipus ha scritto:

gus ha scritto:
Tu non sai cosa sia un attestato di teologia. Sono lezioni due volte alla settimana su testi selezionati per il corso.
Significa per esempio che sul vangelo di Giovanni il corso l'ho tenuto io.

Anche se tu hai tenuto un corso non è detto che conosci la verità ... tu racconti una tua verità, una verità costruita nei secoli.
Ma forse, lo dico per te, dovresti spostare le tue conoscenze verso un punto diverso, dovresti insomma cominciare a leggere la letteratura dei materialisti o solo di storia delle religioni per avere uno strumento di critica dei testi che commenti.

Condivido

La fede è una grazia non barattabile.
avatar
gus
intrepido
intrepido

Messaggi : 4260
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Italia

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  wolftheoriginal il Mer 28 Mar 2018 - 13:14

gus ha scritto:
wolftheoriginal ha scritto:

gus ha scritto:


wolftheoriginal ha scritto:



gus ha scritto:




sandrocchio ha scritto:Il problema vero non è il mistero di Dio, perchè è chiaro che con la venuta di Cristo Dio ha scelto la strada della rivelazione. Il problema vero è il ruolo della Chiesa dopo la Rivelazione di Dio. Una volta che Dio si rivela, a cosa serve la Chiesa? La Chiesa è fondamentale perchè la Rivelazione di Dio è così fragorosa, straordinaria che l'essere umano non può comprenderla in tutta la sua pienezza contando solo sulle proprie forze. Pensare di avvicinarsi a Dio solo sulla base di uno sforzo individuale è peccato d'orgoglio. Se Dio continuasse a essere mistero, sarebbero inutili sia Cristo, sia la Chiesa. A che serve andare in Chiesa se Dio è un mistero cui non posso arrivare? La Chiesa mi aiuta a capire la portata della rivelazione di Dio, proprio perchè Dio non è più mistero, ma Rivelazione. Gus, sei un eretico, e non scherzo. Seguendo il tuo ragionamento, basato sul mistero di Dio, la Chiesa diventa una sorta di zavorra, di inutile orpello fine a se stesso, visto che Dio continua a essere mistero. Sei sulla cattiva strada.







Non capisci il significato di mistero. Come fai a non rabbrividire quando trovi scritta la parola "eterno". Dio è sempre esistito, quindi non è nato e non può morire.



In principio era il Verbo,
il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era in principio presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui,
e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che
esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre,
ma le tenebre non l'hanno accolta.
Venne un uomo mandato da Dio
e il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per rendere testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Egli non era la luce,
ma doveva render testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo
la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Egli era nel mondo,
e il mondo fu fatto per mezzo di lui,
eppure il mondo non lo riconobbe.
Venne fra la sua gente,
ma i suoi non l'hanno accolto.
A quanti però l'hanno accolto,
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali non da sangue,
né da volere di carne,
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi vedemmo la sua gloria,
gloria come di unigenito dal Padre,
pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli rende testimonianza
e grida: «Ecco l'uomo di cui io dissi:
Colui che viene dopo di me
mi è passato avanti,
perché era prima di me».
Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto
e grazia su grazia.
Perché la legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio nessuno l'ha mai visto:
proprio il Figlio unigenito,
che è nel seno del Padre,
lui lo ha rivelato.




Stai citando Giov. 1:1-18...riesci a leggere tra le righe? Tra qui versi si trova un patrimonio di informazioni che vanno al di la di un testo religioso. Se usi solamente la chiave teologica per decifrarli perdi parecchio.
Diverse religioni, in particolare il cristianesimo(di qualsiasi denominazione esso sia) sente il continuo bisogno di rappresentare cio' che per semplificare viene chiamato Dio necessariamente come una persona(che sia una o trina), un essere, etc. Ecco che il concetto dell'eternita', divenuto ostaggio del linguaggio religioso da troppo tempo ormai, diventa mentalmente inimmaginabile. E se "Dio" non fosse un essere, se non fosse una persona, se non fosse una entita', nel modo in cui ci e' stato insegnato fin da piccoli?......





Tu sei un seguace di Lutero?


Tra i vari sentieri religiosi che ho percorso durante la mia vita c'e' stato anche quello per un periodo. Seguace e' un termine abbastanza pesante per il mio modo di vedere, diciamo che ero piu' un simpatizzante del suo modo d'interpretare all'epoca.



Giusto, ma non l'ho detto in senso malevole. Lutero è una grande mente e io l'apprezzo ma quello che mi intimorisce è il suo concetto che grazie alla fede  si possa capire la Bibbia finisca poi nel nascere di religioni personali sino a degenerare in religioni tascabili. L'esempio concreto è in questo forum. Senza offesa parlo di Sandrocchio.
Su questo siamo d'accordo. Una grande mente senza dubbio che la lasciato la sua impronta indelebile. Per quanto riguarda le religioni tascabili, beh, i concetti da lui espressi non sono sicuramente gli unici a dare vita a determinati movimenti.
avatar
wolftheoriginal
ardimentoso
ardimentoso

Messaggi : 5517
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Colchester

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  wolftheoriginal il Mer 28 Mar 2018 - 13:29

sandrocchio ha scritto:Scusa per il tono, Wolf, ma mi rifiuto di assecondare la vanità di questo o quel forumista. Non sono per il quieto vivere. Dispiace, ma le cose stanno così.
No problem. Mi fa piacere quando si comunica in maniera schietta e sincera(rimanendo nei limiti of course). Preferisco questo invece che le false adulazioni. Credo che in fondo, nonostante le piu' che ovvie differenze, lo apprezzi anche Gus. Sono sicuro che abbia capito che e' il tuo modo di esprimerti.
avatar
wolftheoriginal
ardimentoso
ardimentoso

Messaggi : 5517
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Colchester

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  savita il Mer 28 Mar 2018 - 13:49

gus ha scritto:
savita ha scritto:
oedipus ha scritto:
Anche se tu hai tenuto un corso non è detto che conosci la verità ... tu racconti una tua verità, una verità costruita nei secoli.
Ma forse, lo dico per te, dovresti spostare le tue conoscenze verso un punto diverso, dovresti insomma cominciare a leggere la letteratura dei materialisti o solo di storia delle religioni per avere uno strumento di critica dei testi che commenti.
Condivido

La fede è una grazia non barattabile.
Appunto . Ti smentisci da solo. Se la fede è una grazia non barattabile, non può essere contrabbandata come verità universale .
E' qualcosa in cui uno crede personalmente , nulla più.
avatar
savita
insuperabile
insuperabile

Messaggi : 15493
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Wolf

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum