Dopo la socialdemocrazia

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 5:28

Lasciamo perdere il marxismo, che è roba da trogloditi. Il capitalismo l'ha massacrato. Perchè la socialdemocrazia è entrata in crisi? Non ci vuole un genio per capirlo: le risorse alla base di uno Stato assistenziale non sono infinite, quindi per continuare ad assistere i più deboli occorre prelevare denaro dal ceto medio, impoverendolo. E il ceto medio approfitta delle libere elezioni per respingere il progetto. Siamo arrivati al punto in cui la socialdemocrazia, per sopravvivere, può essere imposta solo tramite la dittatura. Non è un caso che la sinistra stia mettendo in discussione il suffragio universale e stia cercando di riabilitare un modello socio-economico dove sul ponte di comando ci siano le élites. Il modello liberale prima dell'avvento del nazifascismo, tanto per essere chiari, che forse - insieme al comunismo di matrice leninista - fu la prima espressione della società di massa. Ma il suffragio universale è un principio che non può essere messo in discussione. Il capitalismo moderno si evolve grazie alla dialettica, e la dialettica è a sua volta garantita dalla democrazia, dal libero dibattito, dai social network, dove il popolo si esprime senza la mediazione dei media. Ora, se il sistema democratico condanna la socialdemocrazia, a cosa mira? Qual è il modello di società che sta uccidendo la sinistra e verso il quale ci stiamo indirizzando? Semplice: una società dove il senso di responsabilità individuale ha spodestato la solidarietà. Nella società socialdemocratica lo sventurato è considerato un uomo nato sotto una cattiva stella, che va aiutato e assistito. Nella società post-socialdemocratica, lo sventurato è considerato responsabile delle proprie sventure. O si arrangia come può o muore. Siamo diventati più crudeli ed egoisti? No. Abbiamo a disposizione risorse limitate e non possiamo provvedere a tutti. L'essere umano diventa così responsabile delle proprie scelte, e dev'essere disposto a pagare di persona per i propri errori. Nel capitalismo avanzato l'essere umano diventa un acrobata che si esibisce senza rete di protezione: se sbaglia muore. La rete di protezione costa cara, e non ci sono soldi.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15067
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  savita il Mer 28 Mar 2018 - 8:14

Se le risorse della Terra sono limitate, allora, quando si è arrivati a una certa soglia, pur con l'ausilio di tutte le tecnologie possibili , non c'è altra soluzione che pianificare le nascite . Da qui non se ne esce.   Tendere a una migliore ridistribuzione delle  ricchezze esistenti sarebbe  giusto ,  ma  a questo punto sarebbe   un  sollievo  temporaneo.  Democrazie o non democrazia, si finirebbe  per scannarsi a vicenda ,  comunque.
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15477
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 9:20

Mi sembra ragionevole. E' pur vero che gli esseri umani non possono essere trattati come i gatti. Di colonialismo ... figurati ... è solo un crimine pronunciare questa parola. Occorre allora una sorta di rivoluzione culturale che richiede decenni di tempo. In questo periodo la socialdemocrazia è bell'è spacciata, perchè la reazione del ceto medio alla propria proletarizzazione è istantanea. Appena possono, la piccola e la media borghesia ti fanno fuori. Come sta succedendo alla sinistra, non solo in Italia. Sta andando in frantumi la società basata sullo spirito di solidarietà. Fino a che riesci a regolarizzare le nascite a livello mondiale ...
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15067
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 9:24

Savita, non dirmi che sei favorevole a una sorta di colonialismo culturale. Io ti appoggio, ma attenta, perchè ti danno della reazionaria, e pure della fascista Razz
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15067
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 9:26

Quand'è che ti guarderai allo specchio e comincerai a capire che non sei più di sinistra? Uno di sinistra non direbbe mai che l'Occidente deve esportare certe soluzioni nel Terzo Mondo. Savita, tu non sei più di sinistra. Devi esserne consapevole, e non scherzo.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15067
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  sandrocchio il Mer 28 Mar 2018 - 9:29

Se tu scrivi a Renzone che secondo te bisogna imporre la pianificazione delle nascite al Terzo Mondo, quello viene fino a Milano ad abbracciarti Very Happy Very Happy Very Happy
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15067
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  oedipus il Mer 28 Mar 2018 - 9:39

savita ha scritto:Se le risorse della Terra sono limitate, allora, quando si è arrivati a una certa soglia, pur con l'ausilio di tutte le tecnologie possibili , non c'è altra soluzione che pianificare le nascite . Da qui non se ne esce.   Tendere a una migliore ridistribuzione delle  ricchezze esistenti sarebbe  giusto ,  ma  a questo punto sarebbe   un  sollievo  temporaneo.  Democrazie o non democrazia, si finirebbe  per scannarsi a vicenda ,  comunque.


Oppure, visto che ridistribuire le ricchezze è peccato liberista, si possono ammazzare tutti i poveri della terra. Somo inutili e inquinano.
avatar
oedipus
Appassionato
Appassionato

Messaggi : 640
Data d'iscrizione : 18.07.17

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  savita il Mer 28 Mar 2018 - 9:46



sandrocchio ha scritto:Mi sembra ragionevole. E' pur vero che gli esseri umani non possono essere trattati come i gatti. Di colonialismo ... figurati ... è solo un crimine pronunciare questa parola. Occorre allora una sorta di rivoluzione culturale che richiede decenni di tempo. In questo periodo la socialdemocrazia è bell'è spacciata, perchè la reazione del ceto medio alla propria proletarizzazione è istantanea. Appena possono, la piccola e la media borghesia ti fanno fuori. Come sta succedendo alla sinistra, non solo in Italia. Sta andando in frantumi la società basata sullo spirito di solidarietà. Fino a che riesci a regolarizzare le nascite a livello mondiale ...
Ma io  lo scrivo da sempre . E' una questione matematica . Poi, se si preferisce lasciare il tutto al caso,  così  che la specie umana si  limiti spontaneamente e  suo malgrado attraverso  guerre totali e nuove pandemie,  è un altro punto di vista  . Poi ci sono gli ottimisti a qualunque costo , quelli che   credevano nei viaggi spaziali e  adesso nel recupero dell'acqua degli oceani,  le città scavate sottoterra con le colture idroponiche , i rifiuti che avvelenano l'ambiente riciclati al 100 per cento , eccetera.
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15477
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  savita il Mer 28 Mar 2018 - 9:56

oedipus ha scritto:

savita ha scritto:Se le risorse della Terra sono limitate, allora, quando si è arrivati a una certa soglia, pur con l'ausilio di tutte le tecnologie possibili , non c'è altra soluzione che pianificare le nascite . Da qui non se ne esce.   Tendere a una migliore ridistribuzione delle  ricchezze esistenti sarebbe  giusto ,  ma  a questo punto sarebbe   un  sollievo  temporaneo.  Democrazie o non democrazia, si finirebbe  per scannarsi a vicenda ,  comunque.

Oppure, visto che ridistribuire le ricchezze è peccato liberista, si possono ammazzare tutti i poveri della terra. Somo inutili e inquinano.

Il presente è quello che è , e appena lo guardi è già passato : bisogna pianificare il futuro . Siamo a 7 miliardi e mezzo : almeno cerchiamo di non aumentare . E naturalmente socialdemocrazia per tutti, e non più guerre : non ce ne sarebbe più bisogno.
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15477
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  gus il Mer 28 Mar 2018 - 10:29

[quote="savita"]
oedipus ha scritto:


savita ha scritto:Se le risorse della Terra sono limitate, allora, quando si è arrivati a una certa soglia, pur con l'ausilio di tutte le tecnologie possibili , non c'è altra soluzione che pianificare le nascite . Da qui non se ne esce.   Tendere a una migliore ridistribuzione delle  ricchezze esistenti sarebbe  giusto ,  ma  a questo punto sarebbe   un  sollievo  temporaneo.  Democrazie o non democrazia, si finirebbe  per scannarsi a vicenda ,  comunque.


Oppure, visto che ridistribuire le ricchezze è peccato liberista, si possono ammazzare tutti i poveri della terra. Somo inutili e inquinano.


Il presente è quello che è , e appena lo guardi è già passato : bisogna pianificare il futuro . Siamo a 7 miliardi e mezzo : almeno cerchiamo di non aumentare . E  naturalmente socialdemocrazia per tutti, e non più guerre :   non ce ne sarebbe più bisogno.[/quote

Solo fantasie. Il capitalismo si basa sul cinico sfruttamento dell'uomo. In questo momento di guerre ce ne saranno almeno 500. Quelle grosse non ci saranno più perché con le armi attuali porterebbero alla distruzione del mondo. Nei paesi dive ci sono forze socialdemocratiche troviamo il tasso più alto di suicidi.
avatar
gus
Abituale
Abituale

Messaggi : 4259
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Italia

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  savita il Mer 28 Mar 2018 - 14:14

gus ha scritto:
savita ha scritto:
Il presente è quello che è , e appena lo guardi è già passato : bisogna pianificare il futuro . Siamo a 7 miliardi e mezzo : almeno cerchiamo di non aumentare . E  naturalmente socialdemocrazia per tutti, e non più guerre :   non ce ne sarebbe più bisogno.
Solo fantasie. Il capitalismo si basa sul cinico sfruttamento dell'uomo. In questo momento di guerre ce ne saranno almeno 500. Quelle grosse non ci saranno più perché con le armi attuali porterebbero alla distruzione del mondo. Nei paesi dive ci sono forze socialdemocratiche troviamo il tasso più alto di suicidi.

Che  cosa è non è soprattutto fantasia,  speranza  ? Quali  fra le  promesse dei politici non sono fantasie , pure speranze ? Quali fra le varie ideologie più mirate all'umanitarismo,  ad es socialismo utopistico, socialismo libertario, socialismo di stato,    socialdemocrazia ,   eccetera , non si sono rivelate   fantasie e speranze ?  Eppure ciascuna di esse , pur non realizzandosi mai compiutamente, ha fato compiere passi avanti verso la conquista di diritti umani.
Ma stiamo capendo di avere da qualche decennio un enorme problema che non si è mai presentato nel passato su scala mondiale : la sovrappopolazione , l'esaurimento dell'ambiente e delle risorse . Ci sono delle priorità da scegliere , se si cerca una soluzione pacifica e non si vuole che l'umanità finisca in un bagno di sangue   .

Quanto alla tua equazione socialdemocrazia = maggiore incidenza di suicidi.

Stati in ordine decrescente di incidenza percentuale di suicidi , dal max al min :
secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità  
mancano alcuni stati  che non hanno i dati


1 Groenlandia  
2 Lituania  
3 Corea del Sud
4 Guyana
5 Kazakistan  
6 Slovenia  
7 Giappone  
8 Croazia  1
9 Ungheria  
10 Lettonia  
11 Bielorussia
12 Ucraina
13 Croazia  2
14 Russia  
15 Moldavia  
16 Polonia
17 Sri Lanka  
18 Belgio  
19 Uruguay  
20 Bhutan  
21 Finlandia
22 Sudafrica  
23 Austria  
24 Taiwan  
25 Estonia  
26 Francia  
27 Suriname  
28 Bosnia ed Erzegovina  
29 Rep. Ceca  
30 Stati Uniti  
31 Cuba  
32 Bulgaria  
33 Hong Kong
34 Germania  
35 Svezia  
36 Romania  
37 Norvegia  
38 Regno Unito  
39 Nuova Zelanda
40 Canada Canada
41 Danimarca  
42 Islanda
43 Cile  
44 Svizzera
45 Trinidad e Tobago  
46 India  
47 Irlanda  
48 Singapore  
49 Australia  
50 Serbia  
51 Portogallo  
52 Kirghizistan  
53 Paesi Bassi  
54 Turkmenistan
55 Macedonia  
56 El Salvador  
57 Cina  
58 Zimbabwe  
59 Lussemburgo
60 Argentina  
61 Spagna  
62 Ecuador
63 Mauritius
64 Italia  
65 Costa Rica  
66 Thailandia  
67 Mongolia
68 Israele
69 Nicaragua  
70 Panama
71    Colombia  
72 Brasile
73 Iran  
74 Uzbekistan  
75 Cambogia  
76 Georgia  
77 Turchia  
78 Albania  
79 Messico
80 Honduras  
81 Bahrein  
82 Belize  
83 Saint Vincent e Grenadine  
84 Paraguay
86 Guatemala
87 Barbados
88 Grecia  
89 Malta  
90 Venezuela  
91 Filippine  
92 Tagikistan  
93 Saint Lucia  
94 Rep. Dominicana  
95 Armenia Armenia
96 Kuwait  
97 Bahamas  
98 Pakistan  
99 Perù  
100 São Tomé e Príncipe  
101 Azerbaigian  
102 Maldive  
103 Giamaica  
104 Siria  
105 Giordania  
106 Egitto  
107 Nepal  
108 Grenada  
109 Antigua e Barbuda A
110 Haiti  
111 Saint Kitts e Nevis Saint Kitts e Nevis
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15477
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  oedipus il Mer 28 Mar 2018 - 15:56

savita ha scritto:
gus ha scritto:

savita ha scritto:
Il presente è quello che è , e appena lo guardi è già passato : bisogna pianificare il futuro . Siamo a 7 miliardi e mezzo : almeno cerchiamo di non aumentare . E  naturalmente socialdemocrazia per tutti, e non più guerre :   non ce ne sarebbe più bisogno.

Solo fantasie. Il capitalismo si basa sul cinico sfruttamento dell'uomo. In questo momento di guerre ce ne saranno almeno 500. Quelle grosse non ci saranno più perché con le armi attuali porterebbero alla distruzione del mondo. Nei paesi dive ci sono forze socialdemocratiche troviamo il tasso più alto di suicidi.


Che  cosa è non è soprattutto fantasia,  speranza  ? Quali  fra le  promesse dei politici non sono fantasie , pure speranze ? Quali fra le varie ideologie più mirate all'umanitarismo,  ad es socialismo utopistico, socialismo libertario, socialismo di stato,    socialdemocrazia ,   eccetera , non si sono rivelate   fantasie e speranze ?  Eppure ciascuna di esse , pur non realizzandosi mai compiutamente, ha fato compiere passi avanti verso la conquista di diritti umani.
Ma stiamo capendo di avere da qualche decennio un enorme problema che non si è mai presentato nel passato su scala mondiale : la sovrappopolazione , l'esaurimento dell'ambiente e delle risorse . Ci sono delle priorità da scegliere ,  se si cerca una soluzione pacifica e non si vuole che l'umanità finisca in un bagno di sangue   .

Quanto alla tua equazione socialdemocrazia = maggiore incidenza di suicidi.

Stati in ordine decrescente di incidenza percentuale di suicidi , dal max al min :
secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità  
mancano alcuni stati  che non hanno i dati


1 Groenlandia  
2 Lituania  
3 Corea del Sud
4 Guyana
5 Kazakistan  
6 Slovenia  
7 Giappone  
8 Croazia  1
9 Ungheria  
10 Lettonia  
11 Bielorussia
12 Ucraina
13 Croazia  2
14 Russia  
15 Moldavia  
16 Polonia
17 Sri Lanka  
18 Belgio  
19 Uruguay  
20 Bhutan  
21 Finlandia
22 Sudafrica  
23 Austria  
24 Taiwan  
25 Estonia  
26 Francia  
27 Suriname  
28 Bosnia ed Erzegovina  
29 Rep. Ceca  
30 Stati Uniti  
31 Cuba  
32 Bulgaria  
33 Hong Kong
34 Germania  
35 Svezia  
36 Romania  
37 Norvegia  
38 Regno Unito  
39 Nuova Zelanda
40 Canada Canada
41 Danimarca  
42 Islanda
43 Cile  
44 Svizzera
45 Trinidad e Tobago  
46 India  
47 Irlanda  
48 Singapore  
49 Australia  
50 Serbia  
51 Portogallo  
52 Kirghizistan  
53 Paesi Bassi  
54 Turkmenistan
55 Macedonia  
56 El Salvador  
57 Cina  
58 Zimbabwe  
59 Lussemburgo
60 Argentina  
61 Spagna  
62 Ecuador
63 Mauritius
64 Italia  
65 Costa Rica  
66 Thailandia  
67 Mongolia
68 Israele
69 Nicaragua  
70 Panama
71    Colombia  
72 Brasile
73 Iran  
74 Uzbekistan  
75 Cambogia  
76 Georgia  
77 Turchia  
78 Albania  
79 Messico
80 Honduras  
81 Bahrein  
82 Belize  
83 Saint Vincent e Grenadine  
84 Paraguay
86 Guatemala
87 Barbados
88 Grecia  
89 Malta  
90 Venezuela  
91 Filippine  
92 Tagikistan  
93 Saint Lucia  
94 Rep. Dominicana  
95 Armenia Armenia
96 Kuwait  
97 Bahamas  
98 Pakistan  
99 Perù  
100 São Tomé e Príncipe  
101 Azerbaigian  
102 Maldive  
103 Giamaica  
104 Siria  
105 Giordania  
106 Egitto  
107 Nepal  
108 Grenada  
109 Antigua e Barbuda A
110 Haiti  
111 Saint Kitts e Nevis Saint Kitts e Nevis

Ma davvero credete alla propaganda liberista?
Il suicidio non ha nessun rapporto con la vita materiale e psichica (senso di libertà, a essere precisi) delle persone. Altrimenti tanto per fare un esempio gli ebrei avrebbero dovuto suicidarsi in massa nei campi di concentramento nazisti. Invece loro, tutti, hanno combattuto, come potevano, la loro guerra per la vita.
Il suicidio è solo il punto di arrivo di una malattia precisa: la depressione.
Che poi non li portano in chiesa è un'altra storia.

In quanto alla sovrappopolazione, invece di preoccuparci per il futuro del pianeta, dovremmo essere fieri che vivano 7 miliardi di persone.
E' vero che c'è ancora molta popolazione povera, ma è anche vero che moltissimi hanno da mangiare e da dormire.
7 miliardi, un traguardo invidiabile.
Secondo me, con un buon progresso scientifico e una buona politica mondiale potremmo arrivare anche a 50 miliardi ....
avatar
oedipus
Appassionato
Appassionato

Messaggi : 640
Data d'iscrizione : 18.07.17

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  savita il Mer 28 Mar 2018 - 16:43

oedipus ha scritto:
....
In quanto alla sovrappopolazione, invece di preoccuparci per il futuro del pianeta, dovremmo essere fieri che vivano 7 miliardi di persone.
E' vero che c'è ancora molta popolazione povera, ma è anche vero che moltissimi hanno da mangiare e da dormire.
7 miliardi, un traguardo invidiabile.
Secondo me, con un buon progresso scientifico e una buona politica mondiale potremmo arrivare anche a 50 miliardi ....


Sìììììììì!!!!  Che bello, case di  100 piani   , con appartamenti  di 7 metri quadrati per nuclei familiari di 4 persone  , cibo e acqua in pillole, riciclati per il cibo anche i cadaveri....

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15477
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  oedipus il Mer 28 Mar 2018 - 17:10

savita ha scritto:

oedipus ha scritto:
....
In quanto alla sovrappopolazione, invece di preoccuparci per il futuro del pianeta, dovremmo essere fieri che vivano 7 miliardi di persone.
E' vero che c'è ancora molta popolazione povera, ma è anche vero che moltissimi hanno da mangiare e da dormire.
7 miliardi, un traguardo invidiabile.
Secondo me, con un buon progresso scientifico e una buona politica mondiale potremmo arrivare anche a 50 miliardi ....




Sìììììììì!!!!  Che bello, case di  100 piani   , con appartamenti  di 7 metri quadrati per nuclei familiari di 4 persone  , cibo e acqua in pillole, riciclati per il cibo anche i cadaveri....

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]



Quello che ci piace non ha nessuna importanza, ma è importante che l'umanità sia sempre più numerosa e la vita si spandi ancora.
Viviamo per dare vita.
E non autolimitiamoci per la nostra incapacità di immaginare un futuro diverso dall'oggi.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
oedipus
Appassionato
Appassionato

Messaggi : 640
Data d'iscrizione : 18.07.17

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  savita il Mer 28 Mar 2018 - 17:21

850 piani, l'ultima metà ricoperta di ghiaccio,spazzata dai venti della forza centrifuga della rotazione terrestre...
e non un passo per tutta la vita , incatenata a una poltrona -letto -scuola-lavoro- cesso....

Sarò felice di non esserci.
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15477
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  oedipus il Mer 28 Mar 2018 - 17:33

savita ha scritto:850 piani, l'ultima metà ricoperta di ghiaccio,spazzata dai venti della forza centrifuga della rotazione terrestre...
e non un passo per tutta la vita , incatenata a una  poltrona -letto -scuola-lavoro- cesso....

Sarò felice di non esserci.


non ci saremo come quelli di 15000 anni fa che sarebbero stati felici di non esserci quando non ci sarebbe stata più la caccia.
Ognuno di noi nascendo ha trovato un mondo e ci si è dovuto adattare. Non sapremo mai e nessuno saprà mai quale epoca sia stata la migliore di tutte.
Se poi cerchiamo parametri ogettivi di valutazione allora tutto cambia.
avatar
oedipus
Appassionato
Appassionato

Messaggi : 640
Data d'iscrizione : 18.07.17

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  savita il Mer 28 Mar 2018 - 18:43

oedipus ha scritto:
savita ha scritto:850 piani, l'ultima metà ricoperta di ghiaccio,spazzata dai venti della forza centrifuga della rotazione terrestre...
e non un passo per tutta la vita , incatenata a una  poltrona -letto -scuola-lavoro- cesso....

Sarò felice di non esserci.



non ci saremo come quelli di 15000 anni fa che sarebbero stati felici di non esserci quando non ci sarebbe stata più la caccia.
Ognuno di noi nascendo ha trovato un mondo e ci si è dovuto adattare. Non sapremo mai e nessuno saprà mai quale epoca sia stata la migliore di tutte.
Se poi cerchiamo parametri ogettivi di valutazione allora tutto cambia.
Sì vabbé , ma le basi per ospitare 50 miliardi di umani dovrebbero essere poste adesso , non credi ? . Quindi, prima di buttarsi in questo progetto , una qualche idea del futuro possibile i giovani dovrebbero averla. E la "bellezza " del progetto già si intravede : basta guardare Hong Kong .
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15477
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  gauss il Mer 28 Mar 2018 - 19:21

oedipus ha scritto:
savita ha scritto:

gus ha scritto:


savita ha scritto:
Il presente è quello che è , e appena lo guardi è già passato : bisogna pianificare il futuro . Siamo a 7 miliardi e mezzo : almeno cerchiamo di non aumentare . E  naturalmente socialdemocrazia per tutti, e non più guerre :   non ce ne sarebbe più bisogno.


Solo fantasie. Il capitalismo si basa sul cinico sfruttamento dell'uomo. In questo momento di guerre ce ne saranno almeno 500. Quelle grosse non ci saranno più perché con le armi attuali porterebbero alla distruzione del mondo. Nei paesi dive ci sono forze socialdemocratiche troviamo il tasso più alto di suicidi.



Che  cosa è non è soprattutto fantasia,  speranza  ? Quali  fra le  promesse dei politici non sono fantasie , pure speranze ? Quali fra le varie ideologie più mirate all'umanitarismo,  ad es socialismo utopistico, socialismo libertario, socialismo di stato,    socialdemocrazia ,   eccetera , non si sono rivelate   fantasie e speranze ?  Eppure ciascuna di esse , pur non realizzandosi mai compiutamente, ha fato compiere passi avanti verso la conquista di diritti umani.
Ma stiamo capendo di avere da qualche decennio un enorme problema che non si è mai presentato nel passato su scala mondiale : la sovrappopolazione , l'esaurimento dell'ambiente e delle risorse . Ci sono delle priorità da scegliere ,  se si cerca una soluzione pacifica e non si vuole che l'umanità finisca in un bagno di sangue   .

Quanto alla tua equazione socialdemocrazia = maggiore incidenza di suicidi.

Stati in ordine decrescente di incidenza percentuale di suicidi , dal max al min :
secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità  
mancano alcuni stati  che non hanno i dati


1 Groenlandia  
2 Lituania  
3 Corea del Sud
4 Guyana
5 Kazakistan  
6 Slovenia  
7 Giappone  
8 Croazia  1
9 Ungheria  
10 Lettonia  
11 Bielorussia
12 Ucraina
13 Croazia  2
14 Russia  
15 Moldavia  
16 Polonia
17 Sri Lanka  
18 Belgio  
19 Uruguay  
20 Bhutan  
21 Finlandia
22 Sudafrica  
23 Austria  
24 Taiwan  
25 Estonia  
26 Francia  
27 Suriname  
28 Bosnia ed Erzegovina  
29 Rep. Ceca  
30 Stati Uniti  
31 Cuba  
32 Bulgaria  
33 Hong Kong
34 Germania  
35 Svezia  
36 Romania  
37 Norvegia  
38 Regno Unito  
39 Nuova Zelanda
40 Canada Canada
41 Danimarca  
42 Islanda
43 Cile  
44 Svizzera
45 Trinidad e Tobago  
46 India  
47 Irlanda  
48 Singapore  
49 Australia  
50 Serbia  
51 Portogallo  
52 Kirghizistan  
53 Paesi Bassi  
54 Turkmenistan
55 Macedonia  
56 El Salvador  
57 Cina  
58 Zimbabwe  
59 Lussemburgo
60 Argentina  
61 Spagna  
62 Ecuador
63 Mauritius
64 Italia  
65 Costa Rica  
66 Thailandia  
67 Mongolia
68 Israele
69 Nicaragua  
70 Panama
71    Colombia  
72 Brasile
73 Iran  
74 Uzbekistan  
75 Cambogia  
76 Georgia  
77 Turchia  
78 Albania  
79 Messico
80 Honduras  
81 Bahrein  
82 Belize  
83 Saint Vincent e Grenadine  
84 Paraguay
86 Guatemala
87 Barbados
88 Grecia  
89 Malta  
90 Venezuela  
91 Filippine  
92 Tagikistan  
93 Saint Lucia  
94 Rep. Dominicana  
95 Armenia Armenia
96 Kuwait  
97 Bahamas  
98 Pakistan  
99 Perù  
100 São Tomé e Príncipe  
101 Azerbaigian  
102 Maldive  
103 Giamaica  
104 Siria  
105 Giordania  
106 Egitto  
107 Nepal  
108 Grenada  
109 Antigua e Barbuda A
110 Haiti  
111 Saint Kitts e Nevis Saint Kitts e Nevis


Ma davvero credete alla propaganda liberista?
Il suicidio non ha nessun rapporto con la vita materiale e psichica (senso di libertà, a essere precisi) delle persone. Altrimenti tanto per fare un esempio gli ebrei avrebbero dovuto suicidarsi in massa nei campi di concentramento nazisti. Invece loro, tutti, hanno combattuto, come potevano, la loro guerra per la vita.
Il suicidio è solo il punto di arrivo di una malattia precisa: la depressione.
Che poi non li portano in chiesa è un'altra storia.

In quanto alla sovrappopolazione, invece di preoccuparci per il futuro del pianeta, dovremmo essere fieri che vivano 7 miliardi di persone.
E' vero che c'è ancora molta popolazione povera, ma è anche vero che moltissimi hanno da mangiare e da dormire.
7 miliardi, un traguardo invidiabile.

Secondo me, con un buon progresso scientifico e una buona politica mondiale potremmo arrivare anche a 50 miliardi ....

7 miliardi, un traguardo inividiabile Exclamation Question beh, a mio parere una tragedia Exclamation
invidiabile sarebbe rimanere 7 miliardi, o meglio ancora diminuire a 5
avatar
gauss
Abituale
Abituale

Messaggi : 4413
Data d'iscrizione : 14.07.11

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  oedipus il Mer 28 Mar 2018 - 20:36

savita ha scritto:
oedipus ha scritto:

savita ha scritto:850 piani, l'ultima metà ricoperta di ghiaccio,spazzata dai venti della forza centrifuga della rotazione terrestre...
e non un passo per tutta la vita , incatenata a una  poltrona -letto -scuola-lavoro- cesso....

Sarò felice di non esserci.




non ci saremo come quelli di 15000 anni fa che sarebbero stati felici di non esserci quando non ci sarebbe stata più la caccia.
Ognuno di noi nascendo ha trovato un mondo e ci si è dovuto adattare. Non sapremo mai e nessuno saprà mai quale epoca sia stata la migliore di tutte.
Se poi cerchiamo parametri ogettivi di valutazione allora tutto cambia.

Sì vabbé , ma le basi per ospitare  50 miliardi  di umani dovrebbero essere poste adesso  , non credi ? . Quindi, prima di buttarsi in questo progetto , una qualche idea  del  futuro possibile  i giovani dovrebbero averla. E la "bellezza " del progetto già si intravede : basta guardare Hong Kong .

Perché quei pochi di 15000 anni fa sapevano come avremmo fatto a vivere in 7 miliardi?
avatar
oedipus
Appassionato
Appassionato

Messaggi : 640
Data d'iscrizione : 18.07.17

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  savita il Gio 29 Mar 2018 - 7:11

oedipus ha scritto:
Perché, quei pochi di 15000 anni fa sapevano come avremmo fatto a vivere in 7 miliardi?
Avevano approcci diversi al problema dell'insufficienza delle risorse. I Neanderthal vennero fatti fuori dai Sapiens e scomparvero . E' tempo che adesso noi agiamo diversamente .
avatar
savita
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15477
Data d'iscrizione : 13.07.11
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  sandrocchio il Gio 29 Mar 2018 - 18:33

A leggere Oedipus, sembra che esista ancora il colonialismo. Stiamo parlando di popoli che hanno ottenuto l'autodeterminazione e che vanno alla ricerca degli ex colonizzatori, perchè non sono in grado di autogestirsi. In una società impostata sul libero arbitrio, se non sei in grado di autogestirti, o vivi di stenti o ti ammazzi. C'è poco da dibattere. Non è che l'Occidente possa mantenere chi non sa autogestirsi. Se questi popoli non sanno autogestirsi, chiedano il ritorno dei colonizzatori. Vedremo di soddisfarli. Ma sia chiaro: nessuna guerra di conquista. Dipende tutto da loro. L'autodeterminazione l'hanno ottenuta. Ne facciano quello che vogliono.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15067
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  sandrocchio il Gio 29 Mar 2018 - 18:38

Riguardo poi al capitalismo che si basa sullo sfruttamento dell'uomo, quali sistemi socio-economici non si basano sullo sfruttamento dell'uomo? Lo sfruttamento dell'uomo è inevitabile. Il dibattito, semmai, è su chi debba prendere il profitto che nasce dallo sfruttamento dell'uomo. In astratto, il profitto dovrebbe andare a vantaggio della comunità. In concreto, la qualità della vita di un operaio tedesco - prima che cadesse il muro di Berlino - era nettamente superiore alla qualità della vita di un operaio sovietico. Sulla base di questi dati, meglio che il profitto vada ai privati.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15067
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  wolftheoriginal il Ven 30 Mar 2018 - 12:46

savita ha scritto:
oedipus ha scritto:


savita ha scritto:Se le risorse della Terra sono limitate, allora, quando si è arrivati a una certa soglia, pur con l'ausilio di tutte le tecnologie possibili , non c'è altra soluzione che pianificare le nascite . Da qui non se ne esce.   Tendere a una migliore ridistribuzione delle  ricchezze esistenti sarebbe  giusto ,  ma  a questo punto sarebbe   un  sollievo  temporaneo.  Democrazie o non democrazia, si finirebbe  per scannarsi a vicenda ,  comunque.


Oppure, visto che ridistribuire le ricchezze è peccato liberista, si possono ammazzare tutti i poveri della terra. Somo inutili e inquinano.


Il presente è quello che è , e appena lo guardi è già passato : bisogna pianificare il futuro . Siamo a 7 miliardi e mezzo : almeno cerchiamo di non aumentare . E  naturalmente socialdemocrazia per tutti, e non più guerre :   non ce ne sarebbe più bisogno.
Sono assolutamente d'accordo. Sarebbe ora che tutti ne prendessero coscienza, prima che qualcuno inizi a provvedere a riguardo con o senza l'approvazione dell'opinione pubblica.

________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
« I popoli non dovrebbero temere i propri governi: sono i governi che dovrebbero temere i propri popoli. »
avatar
wolftheoriginal
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 5499
Data d'iscrizione : 12.07.11
Località : Colchester

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  sandrocchio il Ven 30 Mar 2018 - 21:09

"Socialdemocrazia per tutti" è uno slogan, cazzo. Se un povero diavolo si alza alle cinque del mattino e prende tutti i giorni il treno per andare a lavorare, si fa il mazzo e riesce a mettere qualcosa da parte per assicurarsi una vecchiaia serena, non è disposto a perdere parte del ricavato di una vita di sacrifici per chi non fa niente. E se solo minacci di aggredire quelle risorse nel nome della socialdemocrazia, quello vota Lega fino alla fine dei suoi giorni. Vuoi la socialdemocrazia per tutti? Elimina le elezioni, poi fai quello che vuoi.
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15067
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  sandrocchio il Ven 30 Mar 2018 - 21:18

Sapete qual è il problema? VI siete fatti del piccolo o medio-borghese l'idea di un individuo micragnoso, egoista, meschino, che pensa solo a sé. Il piccolo-borghese in genere è uno che si è fatto una posizione facendosi il mazzo, sopportando sacrifici e facendoli sopportare alla famiglia. Ha ingoiato rospi quando si lasciava prendere dalla tentazione di godersi la vigta scialacquando in lungo e in largo, ha detto diverse volte no alle richieste dei figli sopportandone i capricci, e tutto questo pensando al futuro. Poi arriva Savita che, col conforto di Wolf, dice "Alè, socialdemocrazia per tutti". Ma state scherzando?
avatar
sandrocchio
Fuori controllo
Fuori controllo

Messaggi : 15067
Data d'iscrizione : 21.07.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la socialdemocrazia

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum